01 ottobre 2016 MARCO BELPOLITI. L’UNIVERSO IN UN INSETTO

Gli insetti dominano il nostro universo, tre quarti delle specie che vivono accanto a noi sono insetti. Il peso complessivo delle formiche equivale a quello di tutti gli esseri umani. Eppure gli insetti, che abitano il pianeta da trecento milioni di anni, non si sono evoluti. Il loro scheletro esterno impedisce loro anche di crescere

30 settembre 2016 ESSERE O NON ESSERE. IL DILEMMA DELL’ANIMALITÀ. FELICE CIMATTI, ROBERTO MARCHESINI

L’essere umano è un animale. O forse no. Dipende dai punti di vista.  Ad esempio secondo Felice Cimatti l’animalità umana non esiste, l’uomo nasce mettendo in discussione la propria animalità perché è cosciente di avere un corpo, non è semplicemente un corpo. Diventare umani, infatti, vuol dire in un certo senso abbandonare il proprio corpo, che è sempre fisicamente in qualche luogo;

30 settembre 2016 REMO BODEI. IL CAMMELLO E LA CRUNA, MISSION IMPOSSIBLE

Il cammello è un animale grande e grosso. E potremmo riportare tutte le interpretazioni dei teologi che si sono confrontati con la sua figura nei secoli dei secoli, ma rimane il fatto che il cammello è proprio grosso: non c’è verso che passi per la cruna dell’ago. Allora perché Gesù ci dice: “È più facile per

30 settembre 2016 BENVENUTI GLI ANIMALI CHE (NON) SI COMPORTANO DA UOMINI. CON INTERVISTA VIDEO A EDOARDO ALBINATI

Ferocia e sintassi umana allungano il ponte che ci conduce agli animali. Parliamo di violenza ‘bestiale’ senza renderci conto della capacità tutta umana di crocifiggere e impalare. Vediamo scimmie antropomorfe utilizzare il linguaggio dei segni ma non ci accorgiamo che il loro è un dizionario di frasi fatte. Il confine esiste? Il confine esiste ed

30 settembre 2016 I VERI FILOSOFI VIVONO COME CANI. PAROLA A FELICE CIMATTI

Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli

29 settembre 2016 INTERVISTA VIDEO A SHAUN ELLIS, UOMO LUPO

Shaun Ellis, ricercatore inglese, all’inaugurazione di Torino Spiritualità “D’istinti animali” racconta la sua incredibile esperienza di vita con i lupi. Racconta come, approdato in America ai piedi delle Montagne Rocciose, abbia pian piano cercato di apprendere i segreti custoditi dai nativi americani sul loro straordinario rapporto con questi animali. Descrive l’insieme di emozioni provate durante i

22 settembre 2016 L’IPPOCENTAURO DI ERMANNO CAVAZZONI

L’ippocentauro (cavallo con busto e testa di uomo) è un animale impossibile, dice Lucrezio (De rerum natura, V, 878), perché a vent’anni la parte umana sarebbe nel pieno della giovinezza, mentre la parte cavallina sarebbe già vecchia e morirebbe. Una faccia e un busto giovane, con una pancia e le gambe già macilente e decrepite.

22 settembre 2016 FORSE NON SAI COME PARLANO I TACCHINI. BREVE STORIA CON DIALOGHI DEL MELAGRIS GALLOPAVO

Del tacchino, Melagris Gallopavo, sappiamo innanzitutto che è un gallinaceo originario dell’America Latina. In Messico, infatti, sono stata rinvenute le più antiche tracce del più antico tacchino, il tacchino della corte del re azteco Montezuma. La sua carne gustosa era molto apprezzata dagli aztechi che amavano anche le sue piume. Di piume di tacchino erano infatti

20 settembre 2016 ROSA LUXEMBURG E IL BUFALO. UN PO’ DI COMPASSIONE

Compassione è, secondo Dostoevskij, la capacità di estrarre dall’altro la radice prima del suo dolore, e farla propria. Ed è necessaria, molto più della passione, nel rapporto con gli altri e con se stessi. Di compassione parla un piccolo libro rosso, che racconta un episodio particolare: nel carcere di Breslavia, pochi mesi prima di venire assassinata, Rosa Luxemburg

14 settembre 2016 JOSÉ SARAMAGO. NEI MIEI ROMANZI L’AMORE È SEMPRE POSSIBILE

José Saramago nasce in una povera famiglia di braccianti. Abbandona il liceo, frequenta un istituto tecnico per diventare perito meccanico, non si è mai iscritto all’Università. Il suo paesino d’origine è Azinhaga, dove sorge oggi, proprio al centro, nella piazza, una grande statua che ricorda il cittadino illustre, nato lì nel 1922 e morto a Tías