13 settembre 2018 L’AMORE INFELICE DI CHARLOTTE BRÖNTE IN UNA LETTERA

Charlotte Brönte – l’amata scrittrice di Jane Eyre – si innamorò perdutamente di un professore, già sposato, che divenne protagonista del suo romanzo Il professore (Fazi). Nel libro è William Crimsworth il primo e unico narratore maschile utilizzato dalla scrittrice, che racconta in prima persona la sua storia: uomo sensibile e colto, fugge da un lavoro pesante

10 maggio 2018 LA MIA BOCCA È TUA. ZELDA SCRIVE A FRANCIS SCOTT FITZGERALD

«Scott, sei proprio spaventosamente sciocco – In primo luogo, non ho dato a nessuno il bacio d’addio, e in secondo luogo, nessuno è partito – tu sai, tesoro, che ti amo troppo per volerlo. Se avessi un onesto – o disonesto – desiderio di baciare solo una o due persone, lo farei – ma non

07 maggio 2018 LA GENTE HA ALTRO DA PENSARE CHE ALL’AMORE: MORAVIA SCRIVE A ELSA MORANTE

Tutta la corrispondenza tra Alberto Moravia e Elsa Morante, dal 1947 al 1983, è racchiusa in un libro a cura di Alessandra Grandelis, edito da Bompiani, dal titolo Quando verrai sarò quasi felice. Sono le lettere che i due scrittori si sono inviati negli anni del matrimonio e dopo la sua fine, mai formalmente interrotta. Il

12 aprile 2018 LE LETTERE DI SAMUEL BECKETT

Tra i libri belli, c’è n’è uno che lo è in modo particolare. Si tratta del primo volume delle lettere di Samuel Beckett, pubblicato da Adelphi, tradotte da Massimo Bocchiola e Leonardo Marcello Pignataro. Leggerlo è un modo per addentrarsi nei pensieri del grande autore irlandese, che tra i suoi lettori ha chi lo adora

05 aprile 2018 LA LETTERA DI CHARLES BAUDELAIRE AL SUO UNICO AMORE

Jeanne Duval era un’attrice e una ballerina, per vent’anni musa del poeta Charles Baudelaire. Il loro incontro risale al 1842, quando Jeanne lasciò Haiti per la Francia e i due rimasero insieme, anche se tra i tormenti, per i successivi due decenni. Non si conosce di preciso la data di nascita di Jeanne, si sa invece che fu la

24 gennaio 2018 I PATTINI NUOVI DI VIRGINIA WOOLF

L’unica cosa che conti, al mondo, è la musica – la musica, i libri, e un paio di quadri. Fonderò una comunità in cui non ci si sposerà – a meno che per caso non ci si innamori di una sinfonia di Beethoven. Oggi è il compleanno della più amata di tutte, Virginia Woolf, nata

07 novembre 2017 TU SEI UNA FORZA BENEFICA E PIENA DI TENEREZZA. ANTONIO GRAMSCI SCRIVE ALLA MADRE L’8 novembre 1926 veniva arrestato dalla polizia fascista Antonio Gramsci, uno dei più grandi pensatori del XX secolo. Tra i fondatori del Partito Comunista Italiano, fu accusato di voler sovvertire l’ordine dello Stato, condannato a 20 anni di galera, in cella scrisse i Quaderni dal carcere, oltre alle numerose lettere.
23 ottobre 2017 TI SORRIDO QUANDO NON MI VEDI. 5 LETTERE D’AMORE (DA JANE AUSTEN A LEOPARDI) Secondo Mark Twain il prodotto più sincero, più libero e più privato della mente e del cuore umano è una lettera d’amore. E allora ve ne proponiamo 5, tutte bellissime. Da Jane Austen e una lettera tratta da un suo romanzo, passando per Victor Hugo (che Juliette amava tremendamente, la loro è la storia d’amore più lunga della letteratura francese), fino ad arrivare al cinema, con  Elizabeth Taylor e alla politica, con le tenere parole di Churchill a sua moglie. Finiamo in poesia, con Giacomo Leopardi.
30 maggio 2017 VOLTAIRE INNAMORATO. LA LETTERA A OLYMPE DUNOYER

Successe che Voltaire – François-Marie Arouet – colui che meglio rappresenta ideali e limiti dell’Illuminismo francese, si innamorò. L’autore di Candido, era segretario dell’ambasciatore francese all’Aia quando conobbe una giovane donna, Catherine Olympe Dunoyer. Cominciò una relazione scandalosa che lo obbligò a tornarsene di corsa in Francia per evitare di andare in prigione. così la relazione divenne epistolare e

09 maggio 2017 TUTTE LE LETTERE D’AMORE SONO RIDICOLE. FERNANDO PESSOA

Abbiamo trovato questa poesia di Fernando Pessoa dedicata alle lettere d’amore. Il poeta e scrittore è nato a Lisbona il 13 giugno 1888  e ha vissuto gran parte della sua vita in Sudafrica. Studiava, traduceva e pensava anche in inglese, quindi, e si scompose in varie personalità con i loro diversi eteronimi. L’ultima frase che

Precedenti|Successivi