21 settembre 2018 UNA COSA SULL’AMORE. ABBIAMO LETTO PER VOI IL NUOVO LIBRO DI JEFFREY EUGENIDES

Jefferey Eugenides è tornato. E l’ha fatto nel modo migliore, con un’eccellente raccolta di racconti. Infatti, dopo averci regalato il romanzo breve e indimenticabile Le vergini suicide (1994, da cui Sofia Coppola ha tratto un bel film), Middlesex, Premio Pulitzer 2003 per la narrativa, storia dolce e amara dell’ermafrodito Cal, e poi, La trama del matrimonio (2011), costruito

23 luglio 2018 LA CUCINA DI BANANA YOSHIMOTO

Kitchen è il primo romanzo della scrittrice Banana Yoshimoto, nata il 24 luglio 1964 a Tokyo. Risale ormai al 1988, anche se sembra non abbia tempo, ed è arrivato in Italia e in tutto il mondo nel 1991. Long seller che non invecchia mai, parla di solitudine giovanile di Mikage, la protagonista, rimasta sola dopo la morte della nonna: Non avevo

09 aprile 2018 COME INZIA UN ROMANZO BELLISSIMO

Gabriel Tallent ha 30 anni e ha esordito con Mio assoluto amore, che il New York Times – ma anche Stephen King – ha definito un capolavoro. È una storia di coraggio e di redenzione, raccontata con una prosa nitida e capace di dare voce a un personaggio femminile riuscitissimo, che ha fatto del romanzo un

20 dicembre 2017 COME CADE LA LUCE. IL NUOVO ROMANZO DI CATHERINE DUNNE

Lodata e amata, Roddy Doyle definisce la sua scrittura «appassionante, elegante, necessaria e autentica». È Catherine Dunne, scrittrice dublinese che ha esordito nel 1997 con La metà di niente, diventato subito best-seller internazionale. E noi stiamo leggendo Come cade la luce (Guanda) il suo ultimo libro, in attesa di lunedì 29 gennaio, ore 18, quando verrà a farci visita al

20 dicembre 2017 I 5 LIBRI GIUSTI PER CHI INSEGUE LA FELICITÀ (E PER CHI VUOLE CAPIRE COSA SIA)

Sta per arrivare un nuovo anno e tanti sono i nostri desideri per voi. Quindi abbiamo compilato una piccola lista di cinque libri che parlano di felicità. È una parola strana, felicità. Viene dal latino fèlix che riporta al verbo feo, ovvero produco. L’arbor felix è l’albero fruttifero, infatti. Originariamente è riferito proprio a chi

29 dicembre 2016 IL DESTINO COSPIRA PER SOPRENDERCI. DENTI BIANCHI DI ZADIE SMITH

Capodanno è vicino e vi raccontiamo di un libro che inizia proprio l’ultimo dell’anno. Si tratta di Denti bianchi, lo straordinario esordio di Zadie Smith, pubblicato nel 2000 in lingua inglese quando l’autrice aveva appena 25 anni. C’era grande attesa intorno a questa studentessa del King’s College di Cambridge, ed è stata premiata. I temi di Denti bianchi sono fittamente tessuti

05 dicembre 2016 IL REGALO GIUSTO. 5 LIBRI DA METTERE SOTTO L’ALBERO

Tra venti giorni è Natale. Al Circolo abbiamo cominciato a contare il tempo che ci separa da luci, banchetti, alberi e vischio con un calendario dell’avvento speciale su Facebook, realizzato con le illustrazioni degli artisti di Caracol Art Shop Gallery e le parole degli scrittori nostri amici. Oggi cominciamo a darvi qualche buon consiglio per i

22 novembre 2016 CHATTARE CON DAVID FOSTER WALLACE

Chattare con David Foster Wallace, l’autore di Brevi interviste con uomini schifosi (Einaudi), La ragazza dai capelli strani, Una cosa divertente che non farò mai più (minimum fax). È successo ai lettori di Word Magazine nel 1996. La chat sembra una chiacchierata tra amici un po’ ubriachi in un bar, la conversazione passa da un argomento all’altro.Leggi la trascrizione

01 novembre 2016 IL SENSO DI UNA FINE DI JULIAN BARNES IN 10 FRASI

Cosa succede alla memoria, come lavora, la memoria, per farci credere una cosa o l’altra?Tony Webster è la voce narrante di questo magnifico romanzo, un uomo prudente, divorziato, è uno che ha imparato a rattopparsi i pantaloni, per intenderci. Racconta di sé, della sua storia, della giovinezza, del suo primo amore. Ma poi succede qualcosa.

14 settembre 2016 JOSÉ SARAMAGO. NEI MIEI ROMANZI L’AMORE È SEMPRE POSSIBILE

José Saramago nasce in una povera famiglia di braccianti. Abbandona il liceo, frequenta un istituto tecnico per diventare perito meccanico, non si è mai iscritto all’Università. Il suo paesino d’origine è Azinhaga, dove sorge oggi, proprio al centro, nella piazza, una grande statua che ricorda il cittadino illustre, nato lì nel 1922 e morto a Tías

Precedenti|Successivi