11 luglio 2018 QUANDO CONOSCERÒ LA TUA ANIMA DIPINGERÒ I TUOI OCCHI. AMEDEO MODIGLIANI E JEANNE HÉBUTERNE

Viso perfetto, carnagione bianchissima quasi diafana, occhi azzurri e un poco strabici, capelli ramati: Jeanne Hébuterne era soprannominata noix de coco. La più importante, l’ultima, tra le donne di Amedeo Modigliani, di cui oggi ricorre l’anniversario della nascita (Livorno, 12 luglio 1884 – Parigi, 24 gennaio 1920), è stata la sua modella preferita, la sua amante, la

07 giugno 2018 AMORE È INCONTRO TRA SACRO E SEGRETO. MARGUERITE YOURCENAR

Marguerite Yourcenar (8 giugno 1903 – 17 dicembre 1987) ha scritto Memorie di Adriano, opera stupenda scritta in forma di epistola scritta dall’ormai anziano imperatore all’amico assai più giovane, Marco Aurelio. Pubblicata nel 1951, vincitrice del Premio della critica, racconta proprio della vita pubblica e di quella privata di Publio Elio Traiano Adriano, le sue riflessioni

05 giugno 2018 COME FUNZIONA L’INNAMORARSI SECONDO STENDHAL

Un amore intenso e disperato e respinto, ispirò a Stendhal l’opera di cui vi parliamo oggi, Dell’amore. Dell’amore è il frutto, la reazione a quell’esperienza dolorosa. Che cos’è dunque questo amore, si chiede lo scrittore, che può tormentare, trasformare, travolgere? Può l’uomo, così spesso schiacciato dalla malattia d’amore, richiamare quest’ultimo a un interrogatorio che ne metta a

04 giugno 2018 L’AMORE CAPOVOLTO DI CORRADO FORTUNA

Marta quella notte dormiva tranquilla. Il suo viso addormentato, rilassato, come compiaciuto della sua stessa calma, non tradiva alcuna preoccupazione. Eppure non ci sarebbe stato niente di male. Non aveva pudore ad ammettere le sue paure, semplicemente non ne aveva. O pareva non averne. Era, per tutti quelli che al paese e a scuola la

04 giugno 2018 IL POETA DICE LA VERITÀ, PAROLA A FEDERICO GARCÍA LORCA

Federico García Lorca è nato a Fuente Vaqueros il 5 giugno 1898 e morto ammazzato dalle pallottole della soldataglia di Francisco Franco il 19 agosto del ’36, a Víznar (e delle leggende che ne seguirono). È stato un bambino prodigio che ha rivelato una grande passione per il teatro di marionette, è stato un ragazzo che già

29 maggio 2018 NON CE L’HO CON LA PRIMAVERA. UNA POESIA DI WISLAWA SZYMBORSKA

Ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1996, «per una poesia che, con ironica precisione, permette al contesto storico e biologico di venire alla luce in frammenti d’umana realtà», è Wisława Szymborska (Kórnik, 2 luglio 1923 – Cracovia, 1º febbraio 2012) poetessa tradotta e lette in decine di lingue nel mondo. Oggi vi

16 maggio 2018 TAMARA DE LEMPICKA E GABRIELE D’ANNUNZIO. UNA BIZZARRA STORIA DI SEDUZIONE

I colori di Tamara de Lempicka sono crudi e sono freddi, come quelli di manifesti. Il rosso delle labbra delle sue donne, quelli delle unghie, il blu vivo dei loro vestiti, in contrasto con il bianco. Sono opere con ombre nere e marroni, massicce e talvolta brutali per via delle linee precise, nette. Alcuni misteri avvolgono le figura

10 maggio 2018 LA MIA BOCCA È TUA. ZELDA SCRIVE A FRANCIS SCOTT FITZGERALD

«Scott, sei proprio spaventosamente sciocco – In primo luogo, non ho dato a nessuno il bacio d’addio, e in secondo luogo, nessuno è partito – tu sai, tesoro, che ti amo troppo per volerlo. Se avessi un onesto – o disonesto – desiderio di baciare solo una o due persone, lo farei – ma non

09 aprile 2018 L’INFINITO AMORE DI YVES SAINT-LAURENT E PIERRE BERGÉ

Yves Saint-Laurent e Pierre Bergé sono stati insieme una vita: la loro unione sentimentale e lavorativa iniziò nel 1958. Uomo elegantissimo e raffinato, morto a 86 anni nella sua casa di Saint Rémy-de-Provence nel settembre 2017, ha custodito la memoria dello stilista, ma non solo. È stato mecenate di mostre d’arte, azionista dei giornali Le

20 marzo 2018 L’ULTIMO AMORE DI CESARE PAVESE E UNA POESIA

La la primavera è cominciata (anche se non sembra, almeno qui a Torino!) e il 21 di marzo è la Giornata Mondiale della Poesia. Noi festeggiamo rileggendo dei versi pieni di sentimento, che raccontano anche una storia che forse non conoscete. Il 28 marzo 1950 Cesare Pavese scrisse una poesia che si intitola Passerò per Piazza di

Precedenti|Successivi