Frase di introduzione

03 luglio 2018 DI QUANDO MELVILLE SCRISSE A HAWTHORNE

Nathaniel Hawthorne, l’autore di La lettera scarlatta, nasceva il 4 luglio 1804 a Salem, nella Nuova Inghilterra che prendeva forma al di là dell’Oceano Pacifico. Raffinatissimo gentiluomo, irreprensibile nelle maniere, fece la conoscenza di un altro scrittore, Hermann Melville, a Berkshire, che, dopo chiacchierate intese seppur riservate, di lì a poco si accorse di stimarlo

0 commenti
02 luglio 2018 LIBRI PER L’ESTATE! CINQUE CONSIGLI PER VOI

Gail Honeyman, Eleanor Oliphant sta benissimo (Garzanti) Si tratta di un esordio unico, che secondo la stampa internazionale rimarrà negli annali della letteratura, storia di resilienza, forza, dolore e speranza. Comincia così: «Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: sto benissimo. Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo.

0 commenti
01 luglio 2018 I LIBRI SONO ETERNI E MAGICI. PAROLA A HERMANN HESSE

Il mio credo è un’opera di Hermann Hesse, pubblicata nel 1957. Si tratta di una riflessione personale sulle religioni, che comincia con il rifiuto del paterno protestantesimo e sviluppa un’idea di fede che mette al centro l’individuo, l’uomo e le sue leggi, per andar oltre dogmi, ricette e mode. Comincia così: La fede che intendo io non si

0 commenti
28 giugno 2018 L’ESTATE È STAGIONE MERAVIGLIOSA DEI LETTORI, IL PERCHÉ IN 5 MOTIVI

Sta per arrivare il momento perfetto per ritirarsi in compagnia di un libro. Che si tratti di una storia d’amore o di un thriller, di un bicchiere d’acqua di cocco da accompagnare a un fumetto, o di una limonata con letteratura, è tutto permesso, l’estate è il nostro momento, nerd dei libri. È la stagione meravigliosa

0 commenti
27 giugno 2018 QUELLA VOLTA CHE BILLIE HOLIDAY CANTÒ STRANGE FRUIT

C’è una canzone in particolare di Billie Holiday che racconta la storia del razzismo e della persecuzione dei neri negli Stati Uniti del sud. Lo fa con un’immagine straziante. Si tratta di Strange Fruit. Siamo a New York, è il 1939 e il Café Society è pieno di persone e di fumo.Tre sere a settimana Billie Holiday sale sul palco. Il fondatore

0 commenti
26 giugno 2018 ASSAGGI DI LIBRI. INVITO A CENA DI JOSHUA FERRIS

È la raccolta di racconti di uno dei più brillanti scrittori americani d’oggi, il giovane Joshua Ferris, che ha ottenuto un grande successo con E poi siamo arrivati alla fine, il suo romanzo d’esordio. In Invito a cena (Neri Pozza) racconta la fragilità maschile soprattutto nell’intricato rapporto tra i sessi che caratterizza la nostra epoca, con esiti altrettanto esilaranti

0 commenti
25 giugno 2018 L’ESTATE IN TRE BELLISSIME POESIE (MONTALE, TOGNOLINI, DICKINSON)

Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di rosse formiche ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano a sommo di minuscole biche. Osservare tra frondi il palpitare lontano di scaglie

0 commenti
22 giugno 2018 QUELLA VOLTA CHE UN EDITORE RIFIUTÒ GEORGE ORWELL

Molti romanzi diventati celebri (anche best seller) sono stati rifiutati dalle case editrici. Qualche esempio? Cent’anni di solitudine di García Márquez. Sherlock Holmes. L’Ulisse di Joyce è stato respinto dalla Hogarth Press perché di una noia mortale. Qui la lettera in cui Bukowski ringrazia John Martin della Sparrow Press editore, che – dopo una miriade di no – gli offrì addirittura un vitalizio, a patto che mollasse l’impiego alle

0 commenti
20 giugno 2018 L’ESTATE DENTRO I LIBRI. 5 CONSIGLI DI LETTURA

Quasi tempo di vacanze, e allora godiamoci l’estate, per ora quella raccontata nelle pagine dei libri. Da Stephen King a Edoardo Nesi, una piccola carrellata di romanzi per immergersi nella stagione più assolata dell’anno, in compagnia degli scrittori. 1. Stephen King, Stagioni diverse (Sperling & Kupfer)Uno dei quattro racconti della raccolta è Il corpo, da

0 commenti
19 giugno 2018 LE ILLUSIONI SONO PER L’ANIMA CIÒ CHE L’ATMOSFERA È PER LA TERRA. VIRGINIA WOOLF

Le illusioni sono per l’anima ciò che l’atmosfera è per la terra. Toglietele quell’aria tenera, e la pianta morirà, i colori svaniranno. La terra su cui camminiamo è cenere estinta. È marga quella che calpestiamo, e ciottoli spietati ci feriscono i piedi. La verità ci annienta. La vita è un sogno. È il risveglio ad

0 commenti