04 aprile 2018 LE 10 ABITUDINI PIÙ STRANE DEI TUOI SCRITTORI PREFERITI

1. TRUMAN CAPOTE Si dice che scrivesse sdraiato, un bicchiere di sherry in una mano e la matita nell’altra. Dice di se stesso “Sono uno scrittore orizzontale. Non riesco a pensare se non da sdraiato, a letto o disteso sul divano con sigarette e caffè a portata di mano. 2. ERNEST HEMINGWAY Scriveva 500 pagine

02 aprile 2018 IL BOLLITORE DI LEV TOLSTOJ

Dobbiamo immaginare una casa bianca dal tetto verde quasi giallo, circondata da un giardino e molti, moltissimi alberi. Di questi alberi, la maggior parte sono meli. Dobbiamo immaginarli rigogliosi, proprio dietro alle aiuole dei tulipani. Quella casa si chiama Jàsnaja Poljàna ed è la tenuta dove Lev Tolstoj abitò con sua moglie Sophia e dove

0 commenti
26 marzo 2018 LA MISURA DELLA NOSTRA VITA. TONI MORRISON

gnLa meravigliosa scrittrice afroamericana Toni Morrison ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1993. Ha dato voce soprattutto alle donne oppresse per secoli. Nata in Ohio da una famiglia nera di operai originaria dell’Alabama, racconta nei suoi romanzi della perdita dell’identità degli afroamericani. È autrice di romanzi che sono ormai pietre miliari della letteratura americana,

0 commenti
14 marzo 2018 EMILY DICKINSON E LA LUCE BELLISSIMA DELLA PRIMAVERA

La primavera sta arrivando ed è tempo di rileggere una bellissima poesia di Emily Dickinson, non troppo conosciuta. Racconta di una luce che esiste solo in un periodo dell’anno, la primavera, particolare solo di quel momento. Ha un colore tutto suo che di spande sull’orizzonte, sulle colline lontane, che gli esseri umani percepiscono, non solo

0 commenti
13 febbraio 2018 AMORE, AMORETTO, AMORACCIO, AMORAZZO. 10 FRASI TREMENDAMENTE SENTIMENTALI

amóre s. m. [lat. amor –ōris, affine ad amare]. – 1. Sentimento di viva affezione verso una persona che si manifesta come desiderio di procurare il suo bene e di ricercarne la compagnia. Dim. amorétto, intrigo amoroso leggero e di breve durata (con i dim. amorettino, amorettùccio, e il pegg. amorettàccio); amorùccio, anche come vocativo rivolto

0 commenti
30 gennaio 2018 LA DUBLINO DI JAMES JOYCE

Il 2 febbraio è il compleanno del grande James Joyce, quello di Ulisse, Gente di Dublino e Finnegans Wake e dopo avervi raccontato tutto sul Bloomsday, oggi vi raccontiamo i luoghi della città dello scrittore. Pronti per questo viaggio? 1. Il Belvedere College, Great Denmark Street Dove Joyce cominciò i suoi studi il 6 aprile 1893. 2. La National Library

0 commenti
11 ottobre 2017 ALLA RICERCA DI VIVIAN MAIER Un po’ come Emily Dickinson – pubblicata solo dopo la morte, ha nascosto le sue poesie in luoghi impensati – Vivian Maier è stata scoperta dopo la scomparsa, bambinaia di Chicago, scattava fotografie alle persone per la strada. La si intravede nei riflessi delle vetrine, negli autoscatti, la si insegue, senza trovarla mai, nei volti degli altri.
06 ottobre 2017 10 LIBRI SU ROMA, PER COMINCIARE IL GRAND TOUR CON GIUSEPPE CULICCHIA Noi a Roma ci andiamo in dicembre, da venerdì 8 a domenica 10, con Giuseppe Culicchia: è la prima tappa del Grand Tour! Per prepararci, un po’ di letture sulla Città Eterna. Se parti con noi, il percorso sarà letterario, tra i brani di Pasolini, Moravia, ma anche di Christian Raimo e autori contemporanei. Ma non solo: incontreremo Eraldo Affinati, che vive all’Esquilino, il quartiere multietnico della città, e anche Filippo Ceccarelli, scrittore ed editorialista di la Repubblica, che ci accoglie a Trastevere. Scopri tutto qui!
2 commenti
23 settembre 2017 BRUNO TOGNOLINI. PAROLE NUVOLOSE Se mi insegni, io lo imparo Se mi parli, mi è più chiaro Se lo fai, mi entra in testa Se con me tu impari, resta I bambini vengono dalla poesia. La poesia dei bambini emerge dal silenzio ed usa parole che non vogliono dire niente e quindi dicono tutto. La poesia è una profetica puerile, poiché contiene la verità delle cose.
1 commento
06 settembre 2017 10 COSE CHE FORSE NON SAI SU PETER PAN Tutti i bambini crescono, meno uno. Sanno subito che crescono, e Wendy lo seppe così. Un giorno, quando aveva tre anni, e stava giocando in giardino, colse un fiore e corse da sua madre. Doveva avere un aspetto delizioso, perché la signora Darling si mise una mano sul cuore ed esclamò, -Oh, perché non puoi rimanere sempre così!- Questo fu quanto passò fra di loro circa l’argomento, ma da allora Wendy seppe che avrebbe dovuto crescere. Tu sai questo quando hai due anni. Due anni sono l’inizio della fine.
0 commenti