20 aprile 2018 UN TALE SENSO DI SPLENDORE. UNA LETTERA DI NABOKOV A VÉRA

Prima di diventare un famoso e riconosciuto scrittore, Vladimir Nabokov conobbe e si innamorò di Véra. Lui aveva 24 anni, lei 21. E Véra non fu solo il suo grande amore, quello della vita, ma che aiutante, editor e agente, faceva ricerche per lui, stenografava. Ma non solo: Véra si portava dietro una pistola per difendere il

0 commenti
18 aprile 2018 CREDO CHE IN POCHI SIANO TORTURATI COME ME DALLO SCRIVERE. VIRGINIA WOOLF E LA SCRITTURA

«Continuerò ad azzardare, a cambiare, ad aprire la mente e gli occhi, rifiutando di lasciarmi incasellare e stereotipare – ha scritto Virginia Woolf. – Ciò che conta è liberare il proprio io: lasciare che trovi le sue dimensioni, che non abbia vincoli. L’arte è libertà da ogni predicazione, le cose in se stesse, la frase

0 commenti
03 aprile 2018 JEAN RHYS, UNA SCRITTRICE CHE DEVI ASSOLUTAMENTE SCOPRIRE

Jean Rhys era caraibica e bellissima, tanto che avrebbe voluto diventare una ballerina, un’attrice, una cantante. E invece ha scritto alcuni libri meravigliosi di cui si sono accorti in pochi. È un’autrice dimenticata, passata inosservata. Per scoprirla, il reading di giovedì 5 aprile ore 21 al Circolo dei lettori, con Elena Stancanelli. Di lei sappiamo che

0 commenti
27 marzo 2018 RICORDANDO AMELIA ROSSELLI

Di di Amelia Rosselli sappiamo tante cose, e il 28 marzo, anniversario della sua nascita, vogliamo condividerne qualcuna con te. Perché ci piace ricordare i poeti e leggere le poesie, prenderci un po’ di tempo vuoto e riempirlo specialmente delle sue parole, musicali, spezzate, sbagliate, bellissime. 1. La poetessa nacque a Parigi, in una casa

0 commenti
21 marzo 2018 LE IMPRESSIONI SU ROMA E SULL’ITALIA DI GOETHE

Johann Wolfgang Goethe è un genio che ha cambiato radicalmente, con le sue opere, la cultura tedesca ed europea. Di “olimpico” equilibrio, non smise mai di cercare, di essere curioso di tutto: scienza, politica, geologia, poesia sono solo alcuni dei suoi interessi. Eccelleva negli studi, ispirato dalla madre soprattutto, che gli trasmise “il piacere di

0 commenti
20 marzo 2018 L’ULTIMO AMORE DI CESARE PAVESE E UNA POESIA

La la primavera è cominciata (anche se non sembra, almeno qui a Torino!) e il 21 di marzo è la Giornata Mondiale della Poesia. Noi festeggiamo rileggendo dei versi pieni di sentimento, che raccontano anche una storia che forse non conoscete. Il 28 marzo 1950 Cesare Pavese scrisse una poesia che si intitola Passerò per Piazza di

0 commenti
12 marzo 2018 SONO UNO STRANIERO INFELICE. JACK KEROUAC

Jack Kerouac è il poeta jazz, lo scrittore simbolo della beat generation, che tutti, o più o meno tutti, abbiamo scoperto da adolescenti e, grazie alle sue pagine, abbiamo trovato l’America e l’abbiamo sognata, desiderando di metterci On the road. E infatti proprio quella sua opera, scritta nel 1951, è il manifesto di un movimento letterario, ma anche sociale

0 commenti
08 marzo 2018 LA RIMA PIÙ DIFFICILE DEL MONDO. UMBERTO SABA

Oggi è il compleanno di un poeta, e i poeti sono sempre nel nostro cuore. Umberto Saba nasceva il 9 marzo a Trieste nel 1883. Con la sua città avrà sempre un legame profondo, nonostante i numerosi spostamenti, e la sua poesia riguarda e riflette il quotidiano, la semplicità, la storia personale, la fragilitànervosa del

0 commenti
06 marzo 2018 BREVE RITRATTO DI UNA DONNA INDIPENDENTE, MATILDE SERAO

Matilde Serao è stata una donna di infaticabile intelligenza. Cronista lucida e affamata di verità, giornalista, scrittrice, ha anticipato mode e linguaggi, raccontando le donne e gli uomini della sua epoca, la politica e il costume con un tratto tutto suo, fornendoci un ritratto della società dei suoi tempi, qualche volta simile a quella dei

0 commenti
04 marzo 2018 NON HAI MAI SENTITO IL NOME DI PASOLINI?

Il 5 marzo è tante cose quest’anno, ma per noi è soprattutto l’anniversario della nascita di quel poeta, scrittore, regista, di quell’intellettuale incandescente di nome Pier Paolo Pasolini. E lo ricordiamo riprendendo un libro che vi consigliamo tantissimo di leggere, si intitola Improvviso Novecento (minimum fax) e l’ha scritto Giordano Meacci (l’autore di l Cinghiale

0 commenti