19 aprile 2018 LA PAROLA CHE FA SCOPPIARE LE PAROLE. UNA POESIA DI OCTAVIO PAZ

Octavio Paz è stato poeta, diplomatico, saggista, intellettuale cosmopolita pieno di tormenti, Premio Nobel per la letteratura nel 1990. Nato a Città del Messico, proprio nell’anno in cui in Europa stava cominciando la Grande Guerra, fin da giovane ha scritto, di arte, storia, politica. Per lui era la poesia quella potenza che poteva sovvertire l’ordine in vari ambiti, anche nella politica

0 commenti
16 aprile 2018 5 LIBRI PER METTERSI IN VIAGGIO

Una volta vi abbiamo raccontato che cosa metteva in valigia Joan Didion, oggi è la volta invece di cinque viaggi letterari, strade e mari da percorrere in compagnia degli scrittori (e non dimenticarti che in compagnia del Circolo dei lettori si va qui, e anche qui, e anche qui). Gli anelli di Saturno di W. G.

0 commenti
12 aprile 2018 LE LETTERE DI SAMUEL BECKETT

Tra i libri belli, c’è n’è uno che lo è in modo particolare. Si tratta del primo volume delle lettere di Samuel Beckett, pubblicato da Adelphi, tradotte da Massimo Bocchiola e Leonardo Marcello Pignataro. Leggerlo è un modo per addentrarsi nei pensieri del grande autore irlandese, che tra i suoi lettori ha chi lo adora

0 commenti
11 aprile 2018 L’ATTENZIONE SECONDO SIMONE WEIL

Simone Weil, unico grande spirito del nostro tempo secondo Albert Camus, si è espressa sull’attenzione, pratica attraverso cui raccogliere i frutti più profondi della nostra umanità. L’ha fatto nel suo modo incomparabile e con l’eleganza intellettuale che le appartiene: l’attenzione consiste nel sospendere il proprio pensiero, nel lasciarlo disponibile, vuoto e permeabile all’oggetto. La sua

0 commenti
09 aprile 2018 L’INFINITO AMORE DI YVES SAINT-LAURENT E PIERRE BERGÉ

Yves Saint-Laurent e Pierre Bergé sono stati insieme una vita: la loro unione sentimentale e lavorativa iniziò nel 1958. Uomo elegantissimo e raffinato, morto a 86 anni nella sua casa di Saint Rémy-de-Provence nel settembre 2017, ha custodito la memoria dello stilista, ma non solo. È stato mecenate di mostre d’arte, azionista dei giornali Le

0 commenti
09 aprile 2018 COME INZIA UN ROMANZO BELLISSIMO

Gabriel Tallent ha 30 anni e ha esordito con Mio assoluto amore, che il New York Times – ma anche Stephen King – ha definito un capolavoro. È una storia di coraggio e di redenzione, raccontata con una prosa nitida e capace di dare voce a un personaggio femminile riuscitissimo, che ha fatto del romanzo un

0 commenti
06 aprile 2018 COME SI DICE LA POESIA SECONDO LEONARD COHEN

Il grande cantautore canadese Leonard Cohen ha scritto tra le più belle canzoni di tutti i tempi. Ma prima ha scritto romanzi come The favourite game e Beautiful Losers, alla fine degli anni Sessanta. Ha girato il mondo, ha vissuto a Grecia e a Cuba prima di trasferirsi a New York. Nel suo libro di

0 commenti
05 aprile 2018 LA LETTERA DI CHARLES BAUDELAIRE AL SUO UNICO AMORE

Jeanne Duval era un’attrice e una ballerina, per vent’anni musa del poeta Charles Baudelaire. Il loro incontro risale al 1842, quando Jeanne lasciò Haiti per la Francia e i due rimasero insieme, anche se tra i tormenti, per i successivi due decenni. Non si conosce di preciso la data di nascita di Jeanne, si sa invece che fu la

0 commenti
23 marzo 2018 IO SONO UNO CHE HA CONOSCIUTO LA NOTTE. RILEGGENDO ROBERT FROST

Robert Frost (San Francisco, 26 marzo 1874 – Boston, 29 gennaio 1963) è tra i più amati poeti americani. Oggi rileggiamo Conoscenza della notte, versi che ci trasportano nel lato buio dei nostri pensieri. Un’apparentemente banale passeggiata notturna diventa, grazie alla maestria del poeta, un racconto in versi sulla solitudine e la distanza. Io sono uno

0 commenti
22 marzo 2018 BREVISSIMO RITRATTO DELLO SCRITTORE PIERO CHIARA

Da ragazzino, Piero Chiara era uno che marinava la scuola. Faceva fughino, come si dice, e se ne andava nelle biblioteche a leggere, oppure in palestra, a fare pugilato. I genitori per questo lo spedirono in collegio. Nonostante i risultati non eccellenti, riuscì a ottenere il diploma di perito meccanico e intanto continuava a coltivare

0 commenti