15 novembre 2018 LA FELICITÀ SECONDO JOSÉ SARAMAGO

Poeta, romanziere e giornalista, José Saramago è stato il solo scrittore di lingua portoghese a ricevere il Premio Nobel per la Letteratura. Oggi ricorre l’anniversario della sua nascita, 16 novembre 1922, da una famiglia contadina di Azinhaga. Da ragazzo si trasferì presto a Lisbona, abbandonò la scuola per occuparsi della famiglia, e dopo lavori precari di ogni

0 commenti
14 novembre 2018 2 LIBRI BELLI CHE PARLANO DI BALENE

Per scrivere un libro potente, bisogna scegliere un tema potente. Questo sosteneva Herman Melville, che decise di dedicare il proprio capolavoro all’animale mitico, la balena bianca. Benevola e meravigliosa, la balena occupa uno spazio privilegiato nella nostra immaginazione, tanto da giustificare ben due emoji su Whatsapp! È stata raccontata come minaccia incontrollabile, animale carnivoro sanguinario, è

0 commenti
13 novembre 2018 STORIA DELLO SCRITTORE CHE INSEGUE IL VENTO

Oggi vi raccontiamo di Nick Hunt, trentasettenne di Bristol, viaggiatore appassionato. Racconta i suoi percorsi, che compie preferibilmente a piedi su sentieri non tracciati, alla scoperta dei paesi d’Europa, sul Guardiane l’Economist. Ecologista, è tra i fondatoridel Dark Mountain Project, network di scrittori e artisti. Il suo primo libro,Walking the Woods and the Water, è

0 commenti
08 novembre 2018 TUTTE LE RAGAZZE AVANTI! E ALTRI 4 LIBRI PER RIFLETTERE SUL FEMMINISMO OGGI (E METTERLO IN PRATICA)

Parlare di femminismo è importante, anche oggi. Ma perché? Per rispondere andiamo a costruire una piccola bibliografia di libri necessari per approfondire. 1. Tutte le ragazze avanti! (add), curato da Giusi Marchetta In questo libro rispondono alla domanda in 11, tra scrittrici, blogger, esperte musicali e di serie tv, ricercatrici, social manager. Lo presentiamo al Circolo

0 commenti
06 novembre 2018 ALLENARSI ALLA FELICITÀ CON 5 LIBRI & MORE

Felicità è lo stato d’animo di chi non è turbato da dolori e gode di questo suo stato. Ecco la definizione, secondo Treccani. Ma per essere felici bisogna allenarsi, quindi ecco una lista di libri utili e anche una giornata per mettere in pratica questo sentimento! 1.Meik Wiking | Hygge. La via danese alla felicità (Mondadori)Per capire cos’è la hygge

0 commenti
28 ottobre 2018 CHI ERA DAVVERO VIVIAN MAIER?

«Suppongo che niente duri per sempre. Dobbiamo dare spazio ad altre persone. È una ruota. Sali, arrivi alla fine, poi qualcun altro prende il tuo posto e così via». Vivian Maier Chi era davvero Vivian Maier? La misteriosa esponente della street-photography è raccontata con maestria dalla scrittrice danese Christina Hesselholdt, autrice di Vivian (chiarelettere). Nata a Copenaghen nel 1962,

0 commenti
22 ottobre 2018 LA TORTA DI GIANNI RODARI

Pedagogo, giornalista, ma soprattutto geniale favolista, il più grande del Novecento. È Gianni Rodari, nato a Omegna il 23 ottobre 1920, scrittore e anche docente di scuola elementare. Risale al 1944 la sua iscrizione al Partito Comunista, quando Rodari divenne anche responsabile del settimanale L’Ordine Nuovo, scoprì così la propria vocazione e cominciò a collaborare

0 commenti
17 ottobre 2018 LE ANCELLE DI MARGARET ATWOOD

Il distopico The Handmaid’s Tale, Il racconto dell’ancella di Margaret Atwood rifiuta di essere definito con un solo genere narrativo, piuttosto intreccia diversi approcci, allontanandosi dalla fantascienza più prevedibile, dal thriller o dal romanzo femminista: Atwood inventa uno stile unico, tutto suo e radicale. È una lettura profonda e disturbante, in cui la scrittrice celebra la

0 commenti
16 ottobre 2018 EMILY DICKINSON SUL RICORDO E SULLA PERDITA

Le persone che amiamo, le amiamo per sempre, perché diventano una parte di noi, una parte fisica, abitano i nostri pensieri anche quando non ci sono più. È il caso di Emily Dickinson e di sua madre, che perse a cinquantadue anni. Si chiamavano nello stesso modo e morì di un ictus che l’aveva già

0 commenti
09 ottobre 2018 I GIUSTI, SECONDO JORGE LUIS BORGES

“Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi“, scrisse una volta Bertolt Brecht. E infatti, forse, non ne abbiamo bisogno, è l’opinione di un altro grande della letteratura, Jorge Luis Borges. Considerato a ragione tra i più grandi geni letterari del Novecento, lo scrittore argentino mise in versi la sua idea di bontà e

0 commenti
Precedenti|Successivi