16 luglio 2018 L’ANONIMATO È MEGLIO DELLA FAMA, LO DICE EMILY DICKINSON IN UNA POESIA

Emily Dickinson, una delle più grandi poetesse di tutti i tempi, ha scritto una poesia per dire che l’anonimato è preferibile alla fama. Fa proprio il “vivi nascosto” di Epicuro, in due strofe dove alterna il tetrametro giambico e il trimetro giambico. Dickinson utilizza alliterazione, anafora e similitudine, per dire che è più facile ritrovarsi tra

0 commenti
10 luglio 2018 I CONSIGLI DI KURT VONNEGUT AI GIOVANI (E A TUTTI)

È tra i pezzi più belli del grande Kurt Vonnegut, l’amatissimo scrittore di Mattatoio n°5. Aveva 85 anni quando pronunciò questo discorso davanti a una platea di studenti e le sue parole esprimono una visione del mondo luminosa e ironica, in cui si alternano luci e ombre, un pensiero anticonformista che ispira. Eccole. Se dovessi

0 commenti
09 luglio 2018 I RICORDI SECONDO IL GRANDE OLIVER SACKS

Nel 1993, in prossimità del mio sessantesimo compleanno, cominciai a sperimentare un fenomeno curioso: l’emergere nella mente – spontaneo e non sollecitato – di ricordi remotissimi, rimasti dormienti per più di cinquant’anni. E non meri ricordi, ma anche le disposizioni d’animo, i pensieri, le atmosfere e le passioni associate ad essi: soprattutto i ricordi della

0 commenti
20 giugno 2018 L’ESTATE DENTRO I LIBRI. 5 CONSIGLI DI LETTURA

Quasi tempo di vacanze, e allora godiamoci l’estate, per ora quella raccontata nelle pagine dei libri. Da Stephen King a Edoardo Nesi, una piccola carrellata di romanzi per immergersi nella stagione più assolata dell’anno, in compagnia degli scrittori. 1. Stephen King, Stagioni diverse (Sperling & Kupfer)Uno dei quattro racconti della raccolta è Il corpo, da

0 commenti
19 giugno 2018 LE ILLUSIONI SONO PER L’ANIMA CIÒ CHE L’ATMOSFERA È PER LA TERRA. VIRGINIA WOOLF

Le illusioni sono per l’anima ciò che l’atmosfera è per la terra. Toglietele quell’aria tenera, e la pianta morirà, i colori svaniranno. La terra su cui camminiamo è cenere estinta. È marga quella che calpestiamo, e ciottoli spietati ci feriscono i piedi. La verità ci annienta. La vita è un sogno. È il risveglio ad

0 commenti
19 giugno 2018 PENSIERI IMMAGINATI DI SCRITTORI IN VIAGGIO

Mi metto in viaggio sapendo che l’immaginazione ha già fatto di meglio. Mi metto in viaggio con i miei quaderni, penne e inchiostro, anche se vorrei scrivere non con le dita ma con la mente, non con l’occhio ma con il pensiero, per svelare cosa c’è dietro l’apparenza. Le parole spesso sono così inadeguate. C’è

0 commenti
14 giugno 2018 LE PAROLE DI SOJOURNER TRUTH

Isabella Baumfree è nata in schiavitù nell’America della fine del ‘700, a servizio del Colonnello Hardenbergh, nelle colline di Swartekill, a 150 km a nord di New York. Aveva 13 fratelli, tutti schiavi, e a nove anni, Isabella, venne venduta all’asta insieme al gregge di pecore per 100 dollari a un uomo crudele che la

0 commenti
13 giugno 2018 LE ANCELLE DI MARGARET ATWOOD

Il distopico The Handmaid’s Tale, Il racconto dell’ancella di Margaret Atwood rifiuta di essere definito con un solo genere narrativo, piuttosto intreccia diversi approcci, allontanandosi dalla fantascienza più prevedibile, dal thriller o dal romanzo femminista: Atwood inventa uno stile unico, tutto suo e radicale. È una lettura profonda e disturbante, in cui la scrittrice celebra la

0 commenti
12 giugno 2018 IL VASTO MONDO DI FERNANDO PESSOA

Fernando Pessoa nasce a Lisbona il 13 giugno del 1888. L’autore di Il libro dell’inquietudine non viaggiava molto, comprava molti libri – specialmente alla Libreria Eliezer Kamenezki (bric-à-brac, Via S. Pedro di Alcântara, numero 71), alla Libreria Pires, alla Bertrand, alla libreria Classica, alla Ferreira, alla Inglesa – e giornali, tra cui O Diário de Notícias, O Século e A Capital, Época, Diário de Lisboa, Diário de Notícias, Diário da Tarde, Jornal do

0 commenti
07 giugno 2018 AMORE È INCONTRO TRA SACRO E SEGRETO. MARGUERITE YOURCENAR

Marguerite Yourcenar (8 giugno 1903 – 17 dicembre 1987) ha scritto Memorie di Adriano, opera stupenda scritta in forma di epistola scritta dall’ormai anziano imperatore all’amico assai più giovane, Marco Aurelio. Pubblicata nel 1951, vincitrice del Premio della critica, racconta proprio della vita pubblica e di quella privata di Publio Elio Traiano Adriano, le sue riflessioni

0 commenti
Precedenti|Successivi