20 novembre 2017 10 MODI PER PARLARE DI MUSICA, TRA SAGGI E AUTOBIOGRAFIE BELLISSIME

Manca più di un mese a Natale, ma meglio portarsi avanti con i regali, non credete? E allora oggi, per voi, una lista di libri per chi ama la musica! 1. Retromania di Simon Reynolds (minimum fax) Attraverso aneddoti di giganti della vecchia guardia (con esaltanti panoramiche su Beatles, Patti Smith e Frank Zappa) e di artisti contemporanei

0 commenti
17 novembre 2017 L’ERA DIGITALE IN TRE STORIE VERE, OSCURE E MISTERIOSE. ANDREW O’HAGAN

Internet ha cambiato la nostra vita, ha cambiato tutto. È banale a dirsi, ma forse non ci abbiamo pensato abbastanza a cosa, effettivamente, questa mutazione ha portato con sé: il cambiamento riguarda, infatti, la nostra identità, il senso che abbiamo di noi stessi. Questi sono i temi di La vita segreta. Tre storie vere dell’èra digitale (Adelphi)

0 commenti
16 novembre 2017 NON SI VIVE SOLO NEL PRESENTE. 10 BELLISSIME AUTOBIOGRAFIE DA LEGGERE

La scrittura autobiografica si fonda sul passato e sfata la convinzione che noi si viva solamente nel presente, nelle sue felicità o ferite. Siamo il nostro passato anche quando non vorremmo più fare i conti con lui, desidereremmo dimenticarlo per sempre: il passato, ci può perseguitare, far gioire e desiderare il presente e il futuro. Accoglierlo,

0 commenti
03 novembre 2017 L’ULTIMA PARTICELLA D’OMBRA. TANIZAKI JUN’ICHIRŌ Tanizaki Jun’ichirō è un scrittore singolare, autore di un libro che è una piccola gemma, si chiama Libro d’ombra (Bompiani). Lo leggiamo oggi con voi, in attesa dell’incontro con Fabiola Palmeri di lunedì 13 novembre, ore 19 al Circolo dei lettori, per scoprire le meraviglie del Giappone, in vista del viaggio.
1 commento
09 maggio 2017 TUTTE LE LETTERE D’AMORE SONO RIDICOLE. FERNANDO PESSOA

Abbiamo trovato questa poesia di Fernando Pessoa dedicata alle lettere d’amore. Il poeta e scrittore è nato a Lisbona il 13 giugno 1888  e ha vissuto gran parte della sua vita in Sudafrica. Studiava, traduceva e pensava anche in inglese, quindi, e si scompose in varie personalità con i loro diversi eteronimi. L’ultima frase che

0 commenti
03 marzo 2017 MI RICORDO, MI RICORDO, MI RICORDO. GEORGE PEREC

Oggi ricorre l’anniversario della morte dell’amato George Perec (7 marzo 1936 – 3 marzo 1982), autore, tra gli altri, di quel libro bellissimo dal titolo Mi ricordo (Bollati Boringhieri, 2013). È un esercizio che potete fare anche voi. Bisogna prima scegliere un periodo della propria vita, dai 20 ai 25 anni, per dire, dai 40

0 commenti
20 febbraio 2017 DOVEVO RIPULIRE LE PAROLE DALLA MUFFA E INVENTARNE DI NUOVE. GOLIARDA SAPIENZA E L’ARTE DELLA GIOIA

Le parole nutrono, e come il cibo vanno scelte bene prima di ingoiarle. Lo scrive Goliarda Sapienza nel suo L’arte della gioia (Einaudi), il capolavoro di una donna di lettere, teatro e cinema, anarchica e appassionata. Come racconta Angelo Pellegrino nella prefazione e Domenico Scarpa nella postfazione, L’arte della gioia lo rifiutarono tutti. Goliarda Sapienza lo scrisse nel

0 commenti
10 febbraio 2017 LE NOSTRE ANIME DI NOTTE. RACCONTARE KENT HARUF

Kent Haruf (1943-2014) è stato uno dei più apprezzati scrittori americani, divenuto presto un classico contemporaneo, un autore che il tempo ha rapidamente consacrato. Tra i riconoscimenti ricevuti, il Whiting Foundation Award e una menzione speciale dalla PEN/Hemingway Foundation. Con il romanzo Il canto della pianura è stato finalista al National Book Award, al Los Angeles Times Book

0 commenti
24 gennaio 2017 SONO PESSIMISTA MA ME NE DIMENTICO SEMPRE. PAOLO NORI TORNA CON “UNDICI TRENI”

La frase che apre l’ultimo romanzo di Paolo Nori, Undici treni (marcos y marcos), al Circolo dei lettori martedì 7 febbraio alle ore 21, è di Cesare Zavattini. Sono pessimista, ma me ne dimentico sempre. C’è da dimenticarsene del pessimismo, leggendo Paolo Nori, capace in questo, da poco uscito, come in tutti i suoi romanzi, di

0 commenti
16 gennaio 2017 DA UNA PICCOLA VALLE SPERDUTA TRA I MONTI FINO IN SPIAGGIA. LE RAGAZZE CHE SOGNAVANO IL MARE

Ci sono desideri capaci di muovere le montagne. Sogni grandissimi e profondi, almeno quanto il mare. Oggi vi raccontiamo delle 12 ottantenni più famose di sempre, le Funne di Valdaone, Trentino, e del loro viaggio, dalla valle rocciosa fino in spiaggia. “Funne” significa semplicemente donne. Così si chiamano tra loro le vecchiette del Circolo pensionati Rododendro. La

0 commenti
Precedenti|Successivi