11 settembre 2018 INNAMORIAMOCI. DEGLI SCARABOCCHI!

Forse non lo sai ma il Circolo, insieme a Doppiozero, ha pensato un festival… sugli scarabocchi! Spontanei, indipendenti, liberi. Sono gli scarabocchi, parole mal scritte, illeggibili, che ricordano delle macchie, segni strampalati e casuali. I bambini scarabocchiano quando non sanno scrivere o tentano di imitare la grafia dei loro fratelli più grandi, ma anche gli adulti

0 commenti
27 febbraio 2018 QUI OGNI MESE È UN FESTIVAL

Ve ne siete accorti? Al Circolo dei lettori ogni mese è un festival, e marzo è ricco di incontri con voci da tutto il mondo, specialmente dagli Stati Uniti, per dialogare intorno al presente da prospettive diverse. Tutti gli incontri sono a ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti disponibili. Siete pronti a scoprirli?

0 commenti
09 febbraio 2018 IL CIRCOLO DEI LETTORI PER IL SOCIALE

Forse non lo sai, ma il Circolo dei lettori esce dalla sua sede torinese di Via Bogino 9. E lo fa per 3 progetti importanti e diversi, pensati per portare i libri e la lettura in luoghi talvolta dimenticati, e far compagnia così a chi ha più bisogno, come i pazienti degli ospedali della città,

0 commenti
30 ottobre 2017 TIRAR SU LA PAGINA. DOMENICO STARNONE AL CIRCOLO Come fa un libro – congegno fatto solo di parole – a catturarci, emozionarci, a mettere in moto la memoria, a sollecitare il bisogno di senso?
0 commenti
22 giugno 2017 ROBERTO SAVIANO E LE RAGIONI DELL’ACQUA. LA STORIA DEL GRANDE SCRITTORE PER LUOGHI VIVENTI Per Luoghi Viventi, il progetto che fa parlare 3 musei con i racconti di grandi scrittori, Roberto Saviano ha scelto il Museo Egizio – il più antico dedicato alla civiltà sviluppatasi sulle rive del Nilo – e una sua particolare sala. È quella che raccoglie i reperti di un villaggio fondato nel 1500 a.C, Deir el-Medina, in una valle fra colline desertiche, edificato per dare dimora agli operai impiegati nella costruzione delle tombe dei faraoni del Nuovo Regno, nelle vicine Valli dei Re e delle Regine, e alle loro famiglie. Erano scalpellini, disegnatori, addetti alla decorazione. Tutti i lavoratori ricevevano un salario mensile in grano e orzo, ma testi coevi ci raccontano la cronaca di alcuni scioperi e proteste degli abitanti del villaggio causati proprio da gravi ritardi nella distribuzione delle derrate alimentari. Uno di questi testi è chiamato Papiro dello sciopero ed è conservato a Torino.
0 commenti
22 marzo 2017 #POESIAPORTAMIVIA, I 3 POST PREMIATI

Ieri, 21 marzo, è stato un martedì speciale. Abbiamo festeggiato la Giornata Mondiale della Poesia prima insieme a @CasaLettori e @Robinson_Rep su Twitter con l’hashtag #poesiaportamivia poi al Circolo dei lettori con scrittori e poeti che hanno portato la propria poesia preferita e raccontato il perché. Prima ancora però vi abbiamo chiesto di twittare o postare il vostro verso del cuore abbinato a una fotografia che lo

0 commenti
21 marzo 2017 VIAGGIARE FINO AL GRANDE NORD  La Scandinavia è il Grande Nord: da lì sono partiti i vichinghi alla scoperta dell’ignoto, esplorando il resto d’Europa e sbarcando per primi in America.Qui sono venuti alla luce scrittori straordinari e molto diversi tra loro.
0 commenti
13 marzo 2017 POESIA PORTAMI VIA. RACCONTACI IL TUO VERSO PREFERITO

Il 21 marzo è un martedì ma non è un martedì qualsiasi. Si celebra quel giorno, in tutto il mondo, la Giornata Mondiale della Poesia e a Torino succede una cosa, vieni anche tu. Il Circolo dei lettori e il Salone Internazionale del Libro ti invitano a una serata che celebra i versi più amati

0 commenti
24 febbraio 2017 ALLA RICERCA DELL’EQUILIBRIO TRA CIELO E TERRA. LA STORIA DI ANDREA LORENI, FUNAMBOLO

La camminata del funambolo è un atto archetipico, simbolo di ogni cammino di ricerca, capace quindi di parlare direttamente all’inconscio di ognuno di noi. Sono dieci anni che Andrea Loreni pratica funambolismo, come da dieci anni medita secondo la tradizione Zen. Torinese classe 1975, è l’unico in Italia specializzato in camminate su cavo d’acciaio a

0 commenti
23 febbraio 2017 COME RACCONTARE SE STESSI? IL LABORATORIO DI MATTEO CACCIA

Non facciamo altro che raccontarci, attraverso le foto che postiamo su Facebook e su Instagram, con gli articoli che scegliamo di condividere. Scriviamo status per aggiornare la comunità online su tutto quello che facciamo e pensiamo. Poi aggiungiamo allo status l’emoticon giusta che illustri il nostro stato d’animo. Il rischio è l’oversharing, ovvero la condivisione

0 commenti
Precedenti|Successivi