29 maggio 2017 JEFF BUCKLEY. HO SENTITO UN ACCORDO SEGRETO

Probabilmente è il lavoro più famoso di Jeff Buckley, Hallelujah, originariamente scritta e cantata da Leonard Cohen nel 1984 e contenuta nel suo album Various Positions. L’ha sentita la prima volta all’inizio degli Anni 90 e l’ha cantata anche lui, in piccoli show nei dintorni di New York. L’ha inclusa nel suo album di debutto del 1994, Grace, l’unico

0 commenti
29 aprile 2017 ALFRED HITCHCOCK SULLA FELICITÀ

Sir Alfred Hitchcock autore di film indimenticabili come Psyco e Gli uccelli, è nato a Londra il 13 agosto 1899 e morto a Los Angeles il 29 aprile 1980. Ricordiamo il biopic Hitchcock in cui il volto del maestro del cinema è quello di Anthony Hopkins e la storia è incentrata sul rapporto tra lui e sua moglie,

0 commenti
26 aprile 2017 A CHE SERVE LA LUCE? PASOLINI E LE CENERI DI GRAMSCI

Antonio Gramsci è morto a Roma il 27 aprile 1937. Al filosofo e politico sardo, vissuto a Torino, Pier Paolo Pasolini ha dedicato una delle sue poesie più belle, che dà il titolo alla raccolta pubblicata da Garzanti nel 1957. Sono Poemetti, 11 già state pubblicati, su riviste e plaquette tra il ’51 e il

0 commenti
18 aprile 2017 ALBERT EINSTEIN SULLA COMPASSIONE PER TUTTE LE CREATURE

La parola compassione è nobilissima. Viene da cum (con) + patior (soffro) e significa partecipare della sofferenza dell’altro come fosse la propria. Rimanda quindi a un’unità profonda e pura tra gli umani e non umani, un amore incondizionato che non chiede niente in cambio. La utilizza Albert Einstein, del quale oggi ricorre l’anniversario della morte (14

0 commenti
11 aprile 2017 RILEGGENDO LA TREGUA. 30 ANNI SENZA PRIMO LEVI

Oggi sono 30 anni dalla morte di Primo Levi e noi riprendiamo in mano La tregua, scritto tra il 1961 e il 1962 e pubblicato l’anno successivo, testimonianza del viaggio di ritorno in Italia dopo Auschwitz: Avevo, del viaggio di ritorno, un puro appunto come dire, ferroviario. Un sorta di itinerario: il giorno al posto tale,

0 commenti
06 aprile 2017 QUELLA VOLTA CHE BILLIE HOLIDAY CANTÒ STRANGE FRUIT

C’è una canzone in particolare di Billie Holiday che racconta la storia del razzismo e della persecuzione dei neri negli Stati Uniti del sud. Lo fa con un’immagine straziante. Si tratta di Strange Fruit. Siamo a New York, è il 1939 e il Café Society è pieno di persone e di fumo.Tre sere a settimana Billie Holiday sale sul palco. Il fondatore

0 commenti
05 aprile 2017 COME AS YOU ARE. I DIARI DI KURT COBAIN

Non leggere il mio diario quando non ci sono. OK, adesso vado a lavorare. Quando ti svegli stamattina, leggi pure il mio diario. Fruga tra le mie cose e scopri come sono fatto. Era il 5 aprile 1994 quando Kurt Cobain, leggendario frontman dei Nirvana, decise che era venuto il momento. Quello di uccidersi, con un fucile.

0 commenti
Precedenti|Successivi