Frase di introduzione

01 luglio 2016 QUANTO TEMPO CI VUOLE PER LEGGERE UN LIBRO?

Sul sito personalcreations.com abbiamo trovato un’interessante infografica che riguarda i tempi di lettura dei libri. La lista è molto anglofona, ma può servire comunque a fare i propri calcoli. Hanno preso alcuni dei romanzi più popolari di tutti i tempi e stimato quanto tempo ci vuole per finirli, considerando di leggere mediamente 300 parole al minuto. Naturalmente

0 commenti
01 luglio 2016 10 IMPRESCINDIBILI CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA (PER CHI VUOLE METTERSI IN PARI DURANTE L’ESTATE)

I classici sono quei libri di cui si sente dire di solito: «Sto rileggendo…» e mai «Sto leggendo…» scrive Italo Calvino in Perché leggere i classici, e prosegue segnalando come il prefisso iterativo davanti al verbo leggere indichi una piccola vergogna – in chi si suppone di “vaste letture” – ad ammettere di non aver letto un libro famoso. Ma tanto nessuno (o quasi)

0 commenti
29 giugno 2016 I 10 SEGNALIBRI PIÙ CREATIVI

In pelle e ornato di pergamena, il più antico segnalibro rinvenuto risale al VI secolo dopo Cristo. Il decoro è un codice copto ed è stato trovato nei pressi di Sakkara, Egitto, tra le rovine di un monastero. Il segnalibro nasce prima della stampa, e cambia rapidamente dopo di essa, diventando un elemento autonomo dal libro nel 1800. Ma prima, si

0 commenti
29 giugno 2016 LA STORIA DEL PICCOLO PRINCIPE DI SAINT-EXUPÉRY

Tra i libri per bambini più amati di tutti i tempi, Il Piccolo Principe di Saint-Exupéry è una gemma senza tempo e senza età che brilla nella storia della letteratura. Oggi ricorre l’anniversario della nascita dello scrittore francese (Lione, 29 giugno 1900) e lo ricordiamo così. Prima un po’ di numeri: 1 Saint-Exupéry ha scritto un solo libro per

0 commenti
28 giugno 2016 LO STRAPPO NEL CIELO DI CARTA. LUIGI PIRANDELLO

Non è più tempo di scrivere nemmeno per scherzo, dice Luigi Pirandello. Perché? Perché Maledetto sia Copernico!  Perse le certezze fondamentali, quelle dell’uomo antico e rinascimentale, al centro del proprio universo, cosa si può fare? Ben piccola cosa è l’uomo, un’entità minima e trascurabile e le sue imprese non hanno alcun significato se paragonate all’immensità che

0 commenti
27 giugno 2016 L’ESTATE DI SYLVIA PLATH A NEW YORK. E LA VALIGIA BUTTATA DALLA FINESTRA

Cara Mamma, In questi ultimi tre giorni sono successe un’incredibile quantità di cose così in fretta. … Dalla mia finestra guardo giù attraverso i giardini e le viuzze fino alla rumorosa sopraelevata della terza Avenue e il palazzo delle Nazioni Unite, con un segmento dell’East River tra gli edifici. Alle nove, seduta al mio tavolo di lavoro,

0 commenti
25 giugno 2016 L’OFELIA DI JOHN EVERETT MILLAIS. 5 COSE CHE (FORSE) NON SAPETE

C’è un salice che cresce storto sul ruscello e specchia le sue foglie canute nella vitrea corrente; laggiù lei intrecciava ghirlande fantastiche di ranuncoli, di ortiche, di margherite, e lunghi fiori color porpora cui i pastore sboccati danno un nome più indecente, ma che le nostre illibate fanciulle chiamano dita di morto. Amleto, Atto IV, scena

0 commenti
24 giugno 2016 5 LIBRI PER L’ESTATE. PER PICCOLI LETTORI (E GRANDI)

Il verbo leggere non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con altri verbi: il verbo amare, il verbo sognare. Lo dice Daniel Pennac stilando i diritti del lettore, che vi abbiamo raccontato qui. E adesso che l’estate sta arrivando o è arrivata (lo si capisce dai ventilatori accesi in tutte le case) e che le scuole sono finite, un problema

0 commenti
22 giugno 2016 SE NIENTE IMPORTA. JONATHAN SAFRAN FOER

Se niente importa, in originale Eating Animals, è il libro di Jonathan Safran Foer uscito nel 2010, dove memoria e reportage si intrecciano per raccontare una storia. Ti parliamo di questo libro perché ieri abbiamo svelato il tema di Torino Spiritualità 2016, D’istinti animali e perché l’autore sarà – che gioia! – al Circolo dei lettori

0 commenti
21 giugno 2016 LEGGERE LEGGERE LEGGERE. LA LETTERA DI COLUM MCCANN

Colum McCann è l’autore di Questo bacio vada al mondo intero, vincitore del National Book Award nel 2009 e acclamato dalla critica. C’è dolore, bellezza, mistero in questo romanzo, c’è speranza. Si tratta di un libro capace di raccontare l’America e di dare la misura di che cosa un romanzo può fare. Ha scritto anche Transatlantic, I figli del buio,

Precedenti|Successivi