Frase di introduzione

24 maggio 2016 IL MIO PENSIERO HA PER OGGETTO UNA VITA MIGLIORE. SIMONE WEIL

Il nostro pensiero dev’essere vuoto e in attesa, non deve cercare nulla, ma esser pronto ad accogliere, nuda, la verità. Così scrisse Simone Weil, una delle più belle menti del XX secolo. Nata in una famiglia non religiosa, è diventata filosofa, superando al primo tentativo l’esame di ammissione all’università più difficile di Francia, Simone De

0 commenti
23 maggio 2016 DI SCRITTURA E DI PAVONI. FLANNERY O’CONNOR

I pavoni, con le loro code e colori, ma anche con le loro grida notturne, hanno circondato Flannery O’Connor, la grande scrittrice americana, negli ultimi anni della sua vita. Ce n’erano decine, nel suo giardino, zampettavano sotto i suoi occhi. Lei li amava e se ne prendeva cura. Da bambina insegnò a un paio di polli

0 commenti
23 maggio 2016 VOGLIO ESSERE LIBERA. SYLVIA PLATH E IL LIBERO ARBITRIO

Una cosa che spesso facciamo è prenderci il merito dei nostri successi, perché sì, siamo bravi, e attribuire invece i nostri fallimenti alle circostanze esterne. E così crediamo che ciò che ci va bene sia guadagnato, e ciò che va male sia tutta colpa della sfortuna e del tutto immeritato. E invece siamo sia l’una

0 commenti
20 maggio 2016 A COSA SERVE LA TRISTEZZA, TENEBRE E LUCE IN ČAJKOVSKIJ

L’arte ha qualcosa a che fare con il raggiungimento della quiete nel bel mezzo del caos, disse Saul Bellow. E per farla, l’arte, c’è bisogno di una certa agitazione e di una certa confusione, secondo Joni Mitchell. La storia delle arti, dalla scrittura alla musica, è spesso la storia di un complesso rapporto tra creatività

0 commenti
19 maggio 2016 10 GATTI DA LIBRERIA IN GIRO PER IL MONDO

Si chiamano Juniper, Tilsa, Evinrude, Isabelle, Tiny, Catsby, Ender, Zeus. E sono gatti, gatti che vivono in libreria. Sì, perché la libreria è già un posto magnifico in cui sostare ma è ancora più bella se un gatto si aggira tra i libri, dormicchia, si sdraia sulla moquette e rischia di farti inciampare. Sul blog di Chronicle Books

0 commenti
18 maggio 2016 GUIDO GOZZANO. IL POETA DAL CUORE MONELLO E LE SUE FARFALLE

Sabato 21 maggio dalle 16 alle 21 il Circolo dei lettori si trasforma in quell’isola che “nessuno sa se c’è davvero o è un pensiero”. Un’isola di farfalle, piante e animali, di poesie, parole, suoni, chiacchiere. È l’isola di Guido Gozzano, il poeta torinese, intimista, il più liberty che abbiamo, e che celebriamo con una giornata intitolata Cuore

1 commento
17 maggio 2016 IL MORTALE VIAGGIO DI DANIEL CLOWES TRA DISTORSIONI TEMPORALI VERSO L’INFINITO PRIMORDIALE DELL’AMORE ETERNO

Basta un frase per descrivere il nuovo fumetto di Daniel Clowes, è quella che si trova sul retro della copertina, proprio sotto il titolo: UN MORTALE VIAGGIO TRA DISTORSIONI TEMPORALI VERSO L’INFINITO PRIMORDIALE DELL’AMORE ETERNO. Ecco. La storia è sensazionale e psichedelica rispetto agli altri lavori del fumettista di Chicago, ma conserva LA sensibilità e introspezione di Ice Haven

0 commenti
16 maggio 2016 MIRANDA JULY E LE COSE IMPORTANTI DA DIRE A VOCE

Oggi ti raccontiamo una app, che più che una app è una performance artistica, un esperimento, e no, non si può più scaricare. Però l’idea è talmente bella che vale la pena scriverci su. Partiamo con questa domanda: hai una cosa importante da dire a qualcuno che non è vicino a te? Non ti va di scriverla, è troppo importante

0 commenti
15 maggio 2016 10 MANIE DEL LETTORE TOTALE

Dopo avervi parlato dei lettori integralisti che si tatuano le proprie ossessioni letterarie sulla pelle, delle manie inconfessabili di chi preferisce leggere che fare moltissime altre cose, di quelli che cenano con un libro anche a San Valentino e Capodanno, e delle 10 cose che chi ama i libri come Matilde sa bene, oggi è la volta di un’altra lista

0 commenti
13 maggio 2016 Wisława Szymborska e la libertà di leggere

Si parla tanto intorno al libro in questi giorni di Salone, e così abbiamo scelto di raccontarvi che cosa ne pensa dell’atto del leggere una poetessa. A lei è dedicato anche un festival, dal 12 al 14 maggio nei dei palazzi storici del Comune e dell’Università di Bologna. Leggere è un lavoro impegnativo e – come le

0 commenti
Precedenti|Successivi