Frase di introduzione

27 maggio 2016 OBVIOUS STATE. FOR WORD LOVERS, BY WORD LOVERS

Evan Robertson di sé dice: sono illustratore e barista occasionale, Nichole Robertson di sé dice: sono direttore creativo e assaggiatrice di torte. I Robertson sono i fondatori di Obvious State – for word lovers, by word lovers, uno studio design che si trova a New York. L’indirizzo esatto è 175 Varick Street. Amano le parole e creano

0 commenti
26 maggio 2016 HO VISTO 25 ARCOBALENI. LE PAZZE LETTERE D’AMORE DI ALLEN GINSBERG E PETER ORLOVSKY

La lettera d’amore è una forma d’arte: può contenere semplici pensieri romantici, desideri ardenti, raccontare infatuazioni, gelosie, rifiuti, tenerezze, fedeltà o confessare torti e inganni. Le lettere di cui ti parliamo oggi sono quelle dal poeta beat Allen Ginsberg e di altro poeta, Peter Orlovsky. Si incontrarono a San Francisco nel 1954 e cominciò quello che Ginsberg stesso chiama

0 commenti
25 maggio 2016 3 ARTISTI CHE FANNO MERAVIGLIE CON I LIBRI

1. SU BLACKWELL L’artista inglese è la regina della carta. Ha esposto le sue opere in tutto il mondo e realizzato un libro di fiabe, The Fairytale Princess, uscito per la Thames & Hudson nel 2012. I suoi soggetti preferiti sono le fiabe e i personaggi del folklore popolare, i temi, l’infanzia e la meraviglia. Ha cominciato

0 commenti
24 maggio 2016 IL MIO PENSIERO HA PER OGGETTO UNA VITA MIGLIORE. SIMONE WEIL

Il nostro pensiero dev’essere vuoto e in attesa, non deve cercare nulla, ma esser pronto ad accogliere, nuda, la verità. Così scrisse Simone Weil, una delle più belle menti del XX secolo. Nata in una famiglia non religiosa, è diventata filosofa, superando al primo tentativo l’esame di ammissione all’università più difficile di Francia, Simone De

0 commenti
23 maggio 2016 DI SCRITTURA E DI PAVONI. FLANNERY O’CONNOR

I pavoni, con le loro code e colori, ma anche con le loro grida notturne, hanno circondato Flannery O’Connor, la grande scrittrice americana, negli ultimi anni della sua vita. Ce n’erano decine, nel suo giardino, zampettavano sotto i suoi occhi. Lei li amava e se ne prendeva cura. Da bambina insegnò a un paio di polli

0 commenti
23 maggio 2016 VOGLIO ESSERE LIBERA. SYLVIA PLATH E IL LIBERO ARBITRIO

Una cosa che spesso facciamo è prenderci il merito dei nostri successi, perché sì, siamo bravi, e attribuire invece i nostri fallimenti alle circostanze esterne. E così crediamo che ciò che ci va bene sia guadagnato, e ciò che va male sia tutta colpa della sfortuna e del tutto immeritato. E invece siamo sia l’una

0 commenti
20 maggio 2016 A COSA SERVE LA TRISTEZZA, TENEBRE E LUCE IN ČAJKOVSKIJ

L’arte ha qualcosa a che fare con il raggiungimento della quiete nel bel mezzo del caos, disse Saul Bellow. E per farla, l’arte, c’è bisogno di una certa agitazione e di una certa confusione, secondo Joni Mitchell. La storia delle arti, dalla scrittura alla musica, è spesso la storia di un complesso rapporto tra creatività

0 commenti
19 maggio 2016 10 GATTI DA LIBRERIA IN GIRO PER IL MONDO

Si chiamano Juniper, Tilsa, Evinrude, Isabelle, Tiny, Catsby, Ender, Zeus. E sono gatti, gatti che vivono in libreria. Sì, perché la libreria è già un posto magnifico in cui sostare ma è ancora più bella se un gatto si aggira tra i libri, dormicchia, si sdraia sulla moquette e rischia di farti inciampare. Sul blog di Chronicle Books

0 commenti
18 maggio 2016 GUIDO GOZZANO. IL POETA DAL CUORE MONELLO E LE SUE FARFALLE

Sabato 21 maggio dalle 16 alle 21 il Circolo dei lettori si trasforma in quell’isola che “nessuno sa se c’è davvero o è un pensiero”. Un’isola di farfalle, piante e animali, di poesie, parole, suoni, chiacchiere. È l’isola di Guido Gozzano, il poeta torinese, intimista, il più liberty che abbiamo, e che celebriamo con una giornata intitolata Cuore

1 commento
17 maggio 2016 IL MORTALE VIAGGIO DI DANIEL CLOWES TRA DISTORSIONI TEMPORALI VERSO L’INFINITO PRIMORDIALE DELL’AMORE ETERNO

Basta un frase per descrivere il nuovo fumetto di Daniel Clowes, è quella che si trova sul retro della copertina, proprio sotto il titolo: UN MORTALE VIAGGIO TRA DISTORSIONI TEMPORALI VERSO L’INFINITO PRIMORDIALE DELL’AMORE ETERNO. Ecco. La storia è sensazionale e psichedelica rispetto agli altri lavori del fumettista di Chicago, ma conserva LA sensibilità e introspezione di Ice Haven

0 commenti
Precedenti|Successivi