Frase di introduzione

15 dicembre 2017 IL NATALE NEI ROMANZI #4. CIME TEMPESTOSE DI EMILY BRONTË

Anche in Cime tempestose si parla di Natale. È l’unico romanzo di Emily Brontë, scritto tra il 1845 e il 1846, pubblicato l’anno dopo dalla scrittrice con lo pseudonimo di Ellis Bell. Le cime tempestose del titolo (Wuthering Heights in inglese), sono tra le principali ambientazioni del libro, nella brughiera dello Yorkshire, dove fu educato Heathcliff e dove

0 commenti
15 dicembre 2017 VERSO CIELI STELLATI. DI QUANDO PAUL KLEE DIPINSE UNA POESIA

L’artista Paul Klee (18 dicembre 1879 –  29 giugno 1940) ha esplorato non solo la pittura, ma anche la musica e la poesia. Esponente dell’astrattismo, per lui l’arte e era un vero e proprio discorso sulla realtà, non una sua mera riproduzione. Le sue opere le conosciamo: la realtà è rarefatta, ridotta a linee e

0 commenti
12 dicembre 2017 IL NATALE NEI ROMANZI #3. HARRY POTTER E LA PIETRA FILOSOFALE

Il Natale del più famoso maghetto è raccontato nel capitolo Harry Potter e La Pietra Filosofale, primo dei 7 romanzi della saga ideata da J.K Rowling a partire dal 1997 (in Italia Harry arriva solo nel 1999). Come tutti ormai sanno, Harry è un ragazzino normale, o quasi, o almeno è convinto di esserlo, anche

0 commenti
12 dicembre 2017 NON CREDO AFFATTO ALLA VITA, CREDO IN TE. LA LETTERA D’AMORE DI PAUL ÉLUARD A GALA

Paul Éluard è stato un grande poeta, esponente del surrealismo. Oggi è il suo compleanno (14 dicembre 1895) e lo ricordiamo con la lettera che scrisse alla sua amatissima Gala. Il poeta era figlio di un contabile e di una sarta, da piccolo era di salute fragile, problema che si portò dietro per tutta la

0 commenti
12 dicembre 2017 QUEL DOLCE, FALSO TUO PICCOLO CUORE. TRE POESIE DI HEINRICH HEINE

Heinrich Heine è stato un poeta, uno dei primi del periodo di passaggio tra il romanticismo e il realismo, nato il 13 dicembre 1797. Oggi vi raccontiamo la sua storia. Non aveva nessuna voglia, da ragazzo, di intraprendere la carriera paterna. La sua famiglia era di ricchi banchieri ebrei. Heine voleva scrivere. E del 1817 sono le

0 commenti
11 dicembre 2017 IL NATALE NEI ROMANZI #2. EMMA DI JANE AUSTEN

Abbiamo cominciato con Piccole donne, e oggi è la volta di un altro capolavoro scritto da una penna stupenda. Si tratta di Emma di Jane Austen, pubblicato per la prima volta anonimo nel 1815. È la storia di questa bella, giovane, ricca e intelligente donna, Emma Woodhouse, che diventa amica di Harriet Smith, meno fortunata di lei.

0 commenti
11 dicembre 2017 I 10 BUONI PROPOSITI PER I FANATICI DELLA LETTURA

Buoni propositi!  Ce ne stiamo occupando sulla nostra pagina Facebook di buoni propositi, ma – visto che le liste ci piacciono tantissimo – continuiamo anche qui sul blog. E questi sono proprio speciali. Sì, perché sono i buoni propositi dei fanatici della lettura, dei nerd dei libri, non c’entrano con il perdere peso e cominciare uno

0 commenti
06 dicembre 2017 C’È CHI DI NATALE NON VUOL SENTIR PARLARE. LA FAMOSA, BELLISSIMA POESIA DI GIUSEPPE UNGARETTI

C’è chi di Natale non ha voglia alcuna. Di questo parla Natale di Ungaretti, seconda poesia della sezione Naufragi. Sono versi brevissimi, distribuiti in cinque strofe, per un testo disarticolato e rarefatto, malinconico come sottili nuvole di fumo che si alzano nel cielo. Il poeta scrisse Natale a Napoli nel 1916. Parla di un soldato che

0 commenti
04 dicembre 2017 L’ULTIMO AMORE DI JANE AUSTEN

Conosciamo Jane Austen come una donna dal carattere arguto e brillante, ma in questo libro, Una carrozza per Winchester (Fazi) di Giovanna Zucca (al Circolo dei lettori lunedì 11 dicembre, ore 18), racconto dei suoi ultimi mesi di vita, emergono altri aspetti del suo carattere: la fragilità, la sofferenza e un certo disincanto, oltre alla

0 commenti
04 dicembre 2017 COSA POSSIAMO IMPARARE DALLE PIANTE? DUE LIBRI E UNA LEZIONE AL CIRCOLO DEI LETTORI

La letteratura ha parlato e parla di piante, del mondo vegetale che ci circonda, da contemplare e ammirare, ma anche turbolento e inesorabile, capace di spazzar via il conosciuto e rimodellare il mondo. Da L’uomo che piantava gli alberi di Jean Giono, racconto allegorico di un uomo che passa la sua vita a piantare alberi,

0 commenti
Precedenti|Successivi