Frase di introduzione

24 giugno 2016 5 LIBRI PER L’ESTATE. PER PICCOLI LETTORI (E GRANDI)

Il verbo leggere non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con altri verbi: il verbo amare, il verbo sognare. Lo dice Daniel Pennac stilando i diritti del lettore, che vi abbiamo raccontato qui. E adesso che l’estate sta arrivando o è arrivata (lo si capisce dai ventilatori accesi in tutte le case) e che le scuole sono finite, un problema

0 commenti
22 giugno 2016 SE NIENTE IMPORTA. JONATHAN SAFRAN FOER

Se niente importa, in originale Eating Animals, è il libro di Jonathan Safran Foer uscito nel 2010, dove memoria e reportage si intrecciano per raccontare una storia. Ti parliamo di questo libro perché ieri abbiamo svelato il tema di Torino Spiritualità 2016, D’istinti animali e perché l’autore sarà – che gioia! – al Circolo dei lettori

0 commenti
21 giugno 2016 LEGGERE LEGGERE LEGGERE. LA LETTERA DI COLUM MCCANN

Colum McCann è l’autore di Questo bacio vada al mondo intero, vincitore del National Book Award nel 2009 e acclamato dalla critica. C’è dolore, bellezza, mistero in questo romanzo, c’è speranza. Si tratta di un libro capace di raccontare l’America e di dare la misura di che cosa un romanzo può fare. Ha scritto anche Transatlantic, I figli del buio,

0 commenti
20 giugno 2016 IL DIZIONARIO DEI LUOGHI LETTERARI IMMAGINARI

Niente è più bello di ciò che non c’è. Con questa frase di Rousseau si apre il Dizionario dei luoghi letterari immaginari, a cura di Anna Ferrari (UTET). Un volume azzurro che raccoglie – in ordine alfabetico – tutte quelle città, isole, paesi, che non trovano riferimento sulle mappe ma che sono altrettanto veri, perché

0 commenti
18 giugno 2016 INNAMORATA DELL’IMPOSSIBILE. LA STORIA E I LIBRI DI VIOLETTE LEDUC

Dopo avervi raccontato la storia triste di Camille Claudel, dell’impegno e della vita di Simone Weil, del rigore, della scrittura e dei pavoni di Flannery O’Connor, ma anche della fotografa dei margini Diane Arbus e della poesia di Amelia Rosselli oggi vi parliamo di Violette Leduc. Non la conoscete? Allora è arrivato il momento. Il mio caso non è isolato, ho paura

0 commenti
17 giugno 2016 I LIBRI PER BAMBINI CHE CI FANNO ANCORA PIANGERE UN PO’

Ci sono libri che abbiamo letto da bambini che ancora sono capaci di farci versare qualche lacrima. Non tutti, chiaro, di alcuni si serba solo il ricordo della malinconia che hanno portato, ma ci sono eccezioni. Ce lo siamo chiesti, qui al Circolo dei lettori, e dal rapido sondaggio fatto tra noi, abbiamo scoperto che a

0 commenti
16 giugno 2016 IL PREMIO STREGA 2016 IN CINQUE TWEET

Ieri sera, poco dopo le 21.30, a Casa Bellonci, Nicola Lagioia – vincitore del Premio Strega 2015 con La Ferocia (Einaudi) – ha annunciato la cinquina di quest’anno. I finalisti sono, nell’ordine, Edoardo Albinati con La scuola cattolica (Rizzoli), Eraldo Affinati con L’uomo del futuro (Mondadori), Vittorio Sermonti con Se avessero (Garzanti), poi Giordano Meacci con Il cinghiale che uccise Liberty Valance (minimum fax) e Elena Stancanelli con La femmina nuda (La

0 commenti
15 giugno 2016 10 CLASSICI (O QUASI) DA LEGGERE IN ESTATE

L’estate è il momento giusto per recuperare le letture che abbiamo sempre rimandato. Questa lista di dieci classici o meno classici potrà esser utile ai lettori indecisi, per completare la reading list estiva, e potrebbe invece minare i piani dei lettori totali che – non si sa mai, metti che fa brutto tempo – avranno

0 commenti
13 giugno 2016 CHIAMATEMI ISMAELE, ISMAELEEE! IL LIBRO DEI FINCIPIT

La voce verbale incipit è la parola iniziale della formula latina che introduce il titolo di un’opera. In filologia e bibliografia con incipit si fa riferimento alle prime parole con cui inizia un testo. Bene. C’è un libro, di Alessandro Bonino e Stefano Andreoli, che si intitola Sempre cara mi fu quest’ernia al colon. Il libro dei incipit (Milano, Mondadori, 2007). E raccoglie dei

0 commenti
13 giugno 2016 SCRIVERE DAPPERTUTTO. FERNANDO PESSOA

Fernando Pessoa nasce a Lisbona il 13 giugno del 1888. L’autore di Il libro dell’inquietudine non viaggiava molto, comprava molti libri – specialmente alla Libreria Eliezer Kamenezki (bric-à-brac, Via S. Pedro di Alcântara, numero 71), alla Libreria Pires, alla Bertrand, alla libreria Classica, alla Ferreira, alla Inglesa – e giornali, tra cui O Diário de Notícias, O Século e A

0 commenti
Precedenti|Successivi