Frase di introduzione

25 luglio 2016 CHE COS’E LA POESIA SECONDO SAMUEL TAYLOR COLERIDGE

Si fa poesia senza pensarci, perché occorre farla, disse Ungaretti. E anche: è poesia quando porta in sé un segreto. Una poesia corre sempre il rischio di non avere senso, e non avrebbe alcun valore senza questo rischio, secondo Derrida. Per Giorgio Agamben il poeta è colui che guarda nella crepa del presente. Oggi è lunedì

23 luglio 2016 VORREI VIVERE IN UN FILM DI WES ANDERSON. 5 FILM DA VEDERE

Estate è mare, spiagge, ombrelloni e libri che si riempiono di sabbia. Ed è montagne, passeggiate. È pure viaggi nelle capitali. Ma diciamolo, estate è anche starsene a casa con una bella lista di film da vedere. E allora oggi vi parliamo di un regista che ci piace molto, del suo stile e dei suoi cinque

0 commenti
22 luglio 2016 HO DATO POESIA AGLI UOMINI. I LUOGHI DI CESARE PAVESE A SANTO STEFANO BELBO

Oggi comincia la rassegna Con gli occhi di Cesare Pavese e si parte per Santo Stefano Belbo, in provincia di Cuneo, il paese dove lo scrittore è nato. Là, nelle Langhe, la famiglia Pavese andava in villeggiatura in estate. Tanti sono i luoghi che compongono la geografia letteraria dello scrittore, e sono tutti da visitare. La casa natale,

0 commenti
20 luglio 2016 A COSA SERVE LA SOLITUDINE. PAVESE, PASCAL, BISHOP, KEATS E FRANZEN

Tutto il problema della vita è questo: come rompere la propria solitudine, come comunicare con gli altri. Ma non solo: Tutti i problemi dell’umanità derivano dall’incapacità dell’uomo di sedersi tranquillamente in una stanza da solo. Le parole di Cesare Pavese e Blaise Pascal ci suggeriscono quanto sia problematica la doppia faccia della solitudine. La solitudine sembra

0 commenti
19 luglio 2016 10 FRASI SULLE STELLE PER VIAGGIARE CON POETI E SCRITTORI

Osservare il fenomeno di una stella cadente non è straordinario, ma così appare ogni volta. La traccia luminosa nel cielo per noi, oggi, è un simbolo di speranza, infatti capita che anche i più scettici esprimano un desiderio. Ma non è sempre stato così. Gli antichi pensavano fossero al contrario segni nefasti, le stelle erano le

0 commenti
18 luglio 2016 LA POESIA DI LUNEDÌ. ORA CONTERÒ FINO A 12 E VOI STARETE ZITTI, PABLO NERUDA E IL SILENZIO

Questa poesia di Pablo Neruda (Parral,  1904 – Santiago del Cile, 1973) funziona da promemoria. Ci ricorda che, attraverso il silenzio, è possibile interrompere la frenesia che ci allontana dalla triste non comprensione di noi stessi. Fa parte della raccolta Estravagario (1958) e comincia con un invito. L’invito è quello di contare fino a dodici –

16 luglio 2016 I 5 CANI PIÙ AMATI DELLA LETTERATURA #1

Storia del Mondo. I vulcani eruttarono. Gli oceani ribollirono.L’universo era in tumulto.Poi venne il cane.Snoopy È metà luglio. Proprio in questo periodo, avevano osservagli gli antichi Egizi, la stella Sirio sorge appena prima del Sole  e, poche settimane dopo, ecco la preziosa piena del Nilo. Sirio è diventata, per i Greci, era la “stella del cane”,

1 commento
14 luglio 2016 VASCHE DA BAGNO, AUTOMOBILI, PRATI, TRENI, LETTI. 10 ALTERNATIVE ALLA SCRIVANIA DI 10 GRANDI SCRITTORI

Molti scrittori hanno trovato conforto solo alla propria scrivania. Vittorio Alfieri ci si faceva legare, per non distrarsi, Charles Dickens se la faceva spedire, con tutto il suo contenuto, nella casa delle vacanze. Ma alcuni dei più grandi hanno scelto luoghi alternativi per comporre le proprie opere, la vasca da bagno, per esempio. 1. Sir

0 commenti
12 luglio 2016 QUANDO CONOSCERÒ LA TUA ANIMA, DIPINGERÒ I TUOI OCCHI. LA STORIA D’AMORE DI MODIGLIANI E JEANNE HÉBUTERNE

Viso perfetto, carnagione bianchissima quasi diafana, occhi azzurri e un poco strabici, capelli ramati: Jeanne Hébuterne era soprannominata noix de coco. La più importante, l’ultima, tra le donne di Amedeo Modigliani, di cui oggi ricorre l’anniversario della nascita (Livorno, 12 luglio 1884 – Parigi, 24 gennaio 1920), è stata la sua modella preferita, la sua amante, la

0 commenti
11 luglio 2016 LA POESIA DI LUNEDÌ. ABITO APPENA SOPRA IL LIVELLO DEL MARE, IN MEMORIA DI VALENTINO ZEICHEN, POETA

Sul tetto di lamiera della casa di Valentino Zeichen la pioggia faceva rumore di monete. Pochi metri quadrati e mura di cemento sulla via Flaminia, ecco la dimora del poeta di Fiume, sfollato a Roma nel dopoguerra. E proprio lì Zeichen è stato colpito da un ictus, poco dopo aver ricevuto il fondo Bacchelli, grazie all’intervento di

Precedenti|Successivi