SMISURATA PREGHIERA. LE CANZONI DI FABER RESTERANNO CON NOI PER SEMPRE
21 dicembre 2018

Smisurata preghiera è la canzone finale di Anime Salve (1996), ultimo disco di Fabrizio De André, testamento spirituale in versi e musica dell’artista, ed è anche il titolo scelto per i tre giorni al Circolo dei lettori, da mercoledì 9 a sabato 12 gennaio 2019, dedicati al cantautore genovese a 20 anni dalla sua morte, un anniversario da celebrare con la giusta dose di nostalgia, ma soprattutto con la certezza che le canzoni di Faber resteranno con noi, per sempre.

Quella di De André è una vita geniale, da ripercorrere attraverso la sua musica. Luigi Rivaconduce questo viaggio in profondità tra il senso dell’ironia e del dramma che contraddistinguono l’artista, tra il suo coraggio e la misura, e anche attraverso le letture preferite e i suoi personaggi, appartenenti a un sottoproletariato che sfugge alla politica, anarchici e idealisti.Falegname di parole. Le canzoni e la musica di Fabrizio De André è l’incontro, a partire dal libro omonimo edito da Feltrinelli, con l’autore e Filippo Cosentino alla chitarra, giovedì 10 gennaio, ore 21 al Circolo dei lettori. Per inaugurare il ciclo, un’immersione nella poetica e nello stile di Faber, a tu per tu con i i semplici, gli sconfitti e l’attenzione per “gli ignorati e perseguitati dal potere”.

Dori Ghezzi, compagna di una vita dell’amato Fabrizio, ha detto: “Lui, fra le virtù che aveva, non era presuntuoso. L’ha senz’altro detto perché lui cercava di sottolineare più i suoi difetti che i suoi pregi”. Come si raccontava De André? E come lo raccontavano gli altri? Al rapporto tra il cantautore e i media è dedicato il dialogo tra Alessandra Comazzi, giornalista specializzata in critica televisiva, Sabrina Gonzatto, giornalista e scrittrice, Giulio Graglia, autore televisivo, Darwin Pastorin, giornalista sportivo, Gianluca Pecchini e Marco Neirotti, critica musicale. Venerdì 11 gennaio, ore 21al Circolo, il ciclo Smisurata preghieraprosegue con Una notizia un po’ originale non ha bisogno di alcun giornale, titolo dell’incontro a cura di Linguadoc e citazione da Bocca di rosa, canzone magnifica del 1967.

Sabato 12 gennaio, ore 17 si ricorda Fabrizio De André per immagini, le fotografie di chi, per vent’anni, ha ritratto l’artista, immortalandolo in quelle che sono le sue pose più conosciute. Guido Harariracconta il suo rapporto con l’artista a partire da Sguardi randagi(Rizzoli), raccolta in cui il suo archivio si schiude per la prima volta con oltre 300 fotografie, tra quelle più amate dai fan e inedite. Sono sguardi randagi perché spesso rubati, malgrado l’ufficialità, vincendo la ritrosia di Faber. Ogni scatto è accompagnato da un racconto o da un ricordo, da un aneddoto raccontato dallo stesso De André estratto dalle interviste dello stesso Harari in occasione di due snodi cruciali del suo percorso, dalla leggendaria tournée con la PFM alla sua dipendenza dall’alcol, alla competizione giovanile col padre e  col fratello Mauro, fino al rapporto con Dori Ghezzi e  i figli Cristiano e Luvi, l’incontro con Fernanda  Pivano e Edgar Lee Masters, l’infanzia ricomprata grazie alla nuova attività di agricoltore in Sardegna, la rivoluzione linguistica e musicale di Creuza de ma, il ritorno al “canto civile” degli ultimi dischi. Interviene Franz Di Cioccio, leader della Premiata Forneria Marconi e il giornalista Piero Negri.

Infine, lo spettacolo che chiude Smisurata preghiera, è Non per un dio (ma nemmeno per un gioco), per raccontare gli “altri eroi” di Faber. La voce narrante è di Michele Di Mauro, alla chitarra e voce Fabrizio Cotto, al violino Livia Hagiu, al basso Angelo Ieva e Alex Jorio alle percussioni. Ma chi sono questi eroi diversi? Sono i dissidenti e disertori che rifiutano la guerra e le convenzioni, i pacifisti e gli anarchici.

E ancora, nella sede novarese del Circolo dei lettori (Complesso del Broletto, via Fratelli Rosselli 20), va in scena Falegname di parole mercoledì 9 gennaio, ore 21con Luigi Viva e con Filippo Cosentino.

Negli spazi di via Rosta 23 a Rivoli, invece, lo spettacolo con Bruno Maria Ferraro e Gigi Venegoni, venerdì 11 gennaio, ore 21, Ho visto Nina Volare, tratto da Fabrizio De André. Una goccia di splendore(Rizzoli) di Guido Harari, raccolta di appunti personali, brani di interviste e documenti inediti, per entrare nella storia più intima dell’artista e conoscere la sua poetica, etica e il suo genio, e tutte le sue contraddizioni. È una produzione Tagram Teatro.

Per le informazioni sugli ingressi consulta il sito del Circolo dei lettori.
La fotografia di copertina è di Guido Harari.

 
0 commenti