10 COSE CHE FORSE NON SAI SU TRUMAN CAPOTE (PER ESEMPIO, È PARTITO IN TOUR CON I ROLLING STONES)
truman capote
29 gennaio 2018

Truman Capote, amatissimo scrittore di Colazione da Tiffany, sul grande schermo ha preso volto e movenze perfette di Philip Seymour Hoffaman, e ve ne abbiamo parlato qui. Oggi vi raccontiamo invece 10 curiosità fantastiche su di lui.

1. Giallo. Truman Capote scriveva su carta di colore giallo e solo quando era soddisfatto delle bozze riscriveva tutto su normale carta bianca.

2. Ray Bradubury. Il grande scrittore di Fahrenheit 451 non avrebbe mai avuto il successo che meritava se non fosse stato per lui. Infatti fu proprio Truman Capote a raccomandare la sua prima pubblicazione.

3. Il numero 13. Truman Capote era tremendamente superstizioso, non avrebbe mai sopportato di dormire nella stanza 13 di un hotel, né di comporre un numero di telefono che contenesse quella cifra, né tantomeno lavorava di venerdì.

4. Harper Lee. L’autrice di Il buio oltre la siepe ha aiutato e sostenuto Truman Capote nelle ricerche per il suo terribile e bellissimo A sangue freddo. Si credeva che i due fossero molto amici, ma in realtà lei l’ho definì “bugiardo” e “invidioso”.

5. Andy Warhol. Truman Capote adorava bere e ballare allo Studio 54, in compagnia di tutti i protagonisti dell’epoca, tra cui il genio della pop art. Esistono 80 ore di conversazione tra i due, incise su un vecchio registratore Sony.

6. Cognome. Nato Streckfus Persons, diventò Capote come il suo patrigno. Nel 1935 diventò Truman Garcia Capote.

7. Scuola. A 11 anni, Truman Capote sapeva già scrivere piccoli racconti. Aveva imparato da solo a leggere e a scrivere. Frequentò vari licei, colpa dei frequenti spostamenti della madre, e non andò al Collage.

8. Ripensamenti. Il primo nome scelto per la sua più famosa creatura, Holly Golightly, diventata, un’icona grazie all’interpretazione di Audrey Hepburn, non doveva chiamarsi così. Il suo primo nome era Connie Gustafson.

9. !!! Truman Capote partì in tour Exile on Main St con i Rolling Stone nel 1972. Ha detto di essersi molto divertito.

10. Cinema. Compare di sfuggita in Io e Annie di Woody Allen ed è l’eccentrico padrone di casa di Invito a cena col delitto del 1976. Al cinema lo scrittore ha preso il volto dello straordinario Philip Seymour Hoffman.

Il Blog  del Circolo
0 commenti