IL NATALE NEI ROMANZI #2. EMMA DI JANE AUSTEN
11 dicembre 2017

Abbiamo cominciato con Piccole donne, e oggi è la volta di un altro capolavoro scritto da una penna stupenda. Si tratta di Emma di Jane Austen, pubblicato per la prima volta anonimo nel 1815. È la storia di questa bella, giovane, ricca e intelligente donna, Emma Woodhouse, che diventa amica di Harriet Smith, meno fortunata di lei. E allora Emma cerca di trasformarla in una donna di grande fascino. Nel frattempo si innamora un po’ di Frank Churchill.

La scena che vi proponiamo è questa. Il Natale è arrivato, o quasi, e gli scambi tra i protagonisti sono intrisi di vero humor inglese.

“Tempo da Natale”, osservò il signor Elton. “È la stagione; e possiamo ritenerci estremamente fortunati che non abbia iniziato ieri impedendo questa riunione; il che sarebbe stato assai probabile, perché difficilmente il signor Woodhouse avrebbe accettato di avventurarsi fuori se ci fosse stata molta neve a terra; ma ora non ha importanza. Questo è proprio il peridio giusto per gli incontri fra gli amici. A Natale tutti invitano gli amici, e non si sta molto a pensare al tempo, anche il più brutto. Una volta sono rimasto bloccato dalla neve in casa di un amico per una settimana. Niente poteva essere più piacevole. Ero andato per trattenermi una sola notta e non potei andar via che quello stesso giorno della settimana seguente.”
Il signor John Knightley, con l’aria di chi non comprende tanto il piacere, disse solo, freddamente:
“Io nonmi augurerei di trovarmi bloccato per una settimana a Randalls”.
in un’altra occasione Emma si sarebbe divertita, ma adesso era troppo stupita del buonumore del signor Elton per consentirsi altri sentimenti. Harriet sembrava completamente dimenticata nell’attesa dei festeggiamenti.
“Ci sarà sicuramente un bel fuoco”, stava continuando lui, “e tutto quel che serve per offrirci il massimo conforto. Gran belle persone, il signore e la signora Weston: la signora Westion davvero non la si può lodare abbastanza, e lui è esattamente ciò che più si apprezza, così ospitale, così amante della compagnia; saremo un piccolo gruppo, ma un piccolo gruppo ben salezionato è, si può dire, il più piacevole di tutti.

L’immagine di copertina è una delizia made in Penguin Threads line!


Il Blog  del Circolo
0 commenti