L’AMORE È UNA CONQUISTA, NON UNA RESA. ERICH FROMM E L’ARTE DI AMARE
erich fromm
23 marzo 2017

Oggi è il compleanno di Erich Fromm. L’amato psicanalista e sociologo tedesco è nato proprio oggi nel 1900 a Francoforte sul Meno. Iniziò la carriera di psicoanalista freudiano a Berlino, ma nel 1934 emigrò negli Stati Uniti. Tra i suoi saggi più famosi ricordiamo oggi il sesto, L’arte di amare, pubblicato nel 1957 in inglese. In queste pagine l’amore è trattato come l’arte, e per questo motivo richiede la stessa disciplina, concentrazione, pazienza, supremo interesse e umiltà. Senza lo sviluppo e la cura della propria personalità non può esserci amore, dice Fromm nella prefazione, dove dichiara anche che L’arte di amare non va preso come un “manualetto d’istruzioni”.

Oggi ve ne proponiamo un estratto.

L’amore è un sentimento attivo, non passivo; è una conquista, non una resa. Il suo carattere attivo può essere sintetizzato nel concetto che amore è soprattutto “dare” e non ricevere. Che cosa significa dare?
La risposta sembra semplice, ma in realtà è carica di ambiguità e di complicazioni. Il malinteso più comune è che dare significhi “cedere” qualcosa, essere privati, sacrificare.

La persona il cui carattere non si è sviluppato oltre la fase ricettiva ed esplorativa, sente l’atto di dare in questo modo. Il “tipo commerciale” è disposto a dare, ma solo in cambio di ciò che riceve; dare senza ricevere, per lui significa essere ingannato. La gente arida sente il dare come un impoverimento. La maggior parte degli individui di questo tipo, di solito sì rifiuta di dare. Alcuni trasformano in sacrificio l’atto di dare. Sentono che solo per il fatto che è penoso dare, si dovrebbe dare; la virtù, per loro, sta nell’accettare il sacrificio. Per loro, la regola che è meglio dare anziché ricevere significa che è meglio soffrire la privazione piuttosto che provare la gioia.

Per la persona attiva, dare ha un senso completamente diverso. Dare è la più alta espressione di potenza. Nello stesso atto di dare, io provo la mia forza, la mia ricchezza, il mio potere. Questa sensazione di vitalità e di potenza mi riempie di gioia. Mi sento traboccante di vita e di felicità. Dare dà più gioia che ricevere, non perché è privazione, ma perché in quell’atto mi sento vivo.

Non è difficile riconoscere la validità di questo principio applicandolo a vari fenomeni specifici. L’esempio più elementare sta nella sfera del sesso. Il culmine della funzione sessuale maschile è nell’atto di dare; l’uomo dà se stesso, il suo organo sessuale, alla donna. Nel momento dell’orgasmo, le dà il suo seme. Non può fare a meno di darglielo, se è potente. Se non può darglielo è impotente.

Per la donna il processo non è diverso, anche se in un certo senso più complesso. Anche lei si dà; apre tutto il suo essere; nell’atto di ricevere, dà. Se è incapace di questo atto di dare, se può solo ricevere, è frigida. L’atto di dare si ripete, per lei, oltre che nella sua funzione di amante, in quella di madre. Dà al bambino che cresce in lei, dà il suo latte al neonato, gli dà il suo calore fisico. Non dare sarebbe penoso.

Nella sfera delle cose materiali, dare significa essere ricchi. Non quello che “ha” molto è ricco, ma colui che “dà” molto è ricco. L’avaro che è terrorizzato all’idea di perdere qualche cosa è, psicologicamente parlando, un povero essere, per quanto ricco sia. Chiunque sia capace di dare se stesso è ricco. Solo chi avesse appena quanto basti a sopravvivere, sarebbe incapace di godere nell’atto di dare cose materiali. Ma l’esperienza quotidiana dimostra che ciò che una persona considera le minime necessità dipende sia dal suo carattere sia da ciò che possiede. È noto che i poveri sono più ansiosi di dare dei ricchi. Ciò nonostante, la povertà oltre un certo limite può rendere impossibile il dare, ed è assai doloroso, non solo per la sofferenza che provoca direttamente, ma perché toglie al povero la gioia di dare.

La sfera più importante del dare, tuttavia, non è quella delle cose materiali, ma sta nel regno umano. Che cosa dà una persona ad un’altra?

Dà se stessa, ciò che possiede di più prezioso, dà una parte della sua vita. Ciò non significa necessariamente che essa sacrifichi la sua vita per l’altra, ma che le dà ciò che di più vivo ha in sé; le dà la propria gioia, il proprio interesse, il proprio umorismo, la propria tristezza, tutte le espressioni e manifestazioni di ciò che ha di più vitale. In questo dono di se stessa, essa arricchisce l’altra persona, sublima il senso di vivere dell’altro, sublimando il proprio. Non dà per ricevere; dare è in se stesso una gioia squisita. Ma nel dare non può fare a meno di portare qualche cosa alla vita dell’altra persona, e colui che riceve si riflette in essa; nel dare con generosità, non si può evitare di ricevere ciò che le viene dato di ritorno.

Dare significa fare anche dell’altra persona un essere che dà, ed entrambi dividono la gioia di sentirsi vivi. Nell’atto di dare nasce qualcosa, e un senso di mutua gratitudine per la vita che è nata in loro unisce entrambe. Ciò significa che l’amore è una forza che produce amore; l’impotenza è l’incapacità di produrre amore.

 

Il Blog  del Circolo
0 commenti

Articoli che potrebbero interessarti