IT’S HIP TO BE SQUARE. I 9 ALBUM PREFERITI DI BRET EASTON ELLIS TEENAGER
bret easton ellis
15 gennaio 2017

Di Bret Easton Ellis abbiamo letto tutto.
Ci siamo innamorati di Meno di zero, siamo scomparsi nelle pagine di American Psycho, non abbiamo capito granché di Glamorama, ma è stato bellissimo. Questa la sua ultima foto su Instagram, questo l’ultimo tweet. Dopo Imperial Bedrooms, il romanzo che segna il ritorno dei personaggi del suo esordio, Clay, Blair, Trent, Julian, Ellis si è dato al cinema con The Canyons, con Lindsay Lohan e James Deen, film che riprende i suoi temi preferiti: potere, gloria, amore, edonismo, violenza. Sul suo sito, nella sezione “About”, l’unica informazione è “BRET LIVES IN LOS ANGELES“. Infatti, dopo aver trascorso gli anni della giovinezza tra la sua città natale e New York, dove ha ambientato il romanzo che l’ha reso celebre (American Psycho), vi è tornato definitivamente.

Oggi vi proponiamo la playlist di Ellis, tratta dagli album che hanno segnato la sua adolescenza. 
Infatti come nessun altro autore, Ellis incrocia musica e scrittura, nei suoi romanzi. Le sue opere sono intrise di cultura pop musicale e di riferimenti. Patrick Bateman, il sadico yuppie di American Psycho, adora i Talking Heads, per esempio, ed è fissato con Elvis Costello. In Meno di zero suonano The Eagles, Blondie, Randy NewmanTom Petty and the Heartbreakers. In Le regole dell’attrazione ci sono canzoni degli SmithsBilly Idol, Elton John. E così via.


1. London Calling, The Clash


2. The River, Bruce Springsteen


3. Squeezing Out Sparks, Graham Parker


4. Remain In Light, Talking Heads


5. Tusk, Fleetwood Mac


6. Parallel Lines, Blondie


7. Armed Forces, Elvis Costello


8. Look Sharp! Joe Jackson Damn the Torpedoes, Tom Petty


9. Beauty and the Beat, The Go-Go’s


 

Il Blog  del Circolo