20 ottobre 2016 TUTTA UNA STRADA SEMINATA DI NAUFRAGHI. PASOLINI E L’ODORE DELL’INDIA

È il 1961, Pier Paolo Pasolini non ha ancora 40 anni. Le riprese di Accattone, il suo primo film da regista, sono appena cominciate, intanto sta lavorando all’Antigone e alle poesie che saranno raccolte nel volume La religione del mio tempo. Pier Paolo Pasolini nel 1961 parte. Il suo viaggio comincia su una Fiat Uno insieme

19 ottobre 2016 IL SESSO È IL MODO PER ESPLORARE PRATICAMENTE TUTTO. LAMENTO DI PORTNOY DI PHILIP ROTH

Come se scopando volessi scoprire l’America. Conquistare l’America. Lo dice Alexander Portnoy al suo psicanalista, è il 1969 e siamo dentro al Lamento di Portnoy, uno dei libri più sporchi mai pubblicati secondo il New Yorker. I critici all’uscita sono impazziti, lo scrittore è stato denunciato, e il romanzo è diventato un best-seller in un istante. Il

19 ottobre 2016 LEGGERE CON I BAMBINI È FARE INCANTI CON LE PAROLE. E SERVE METODO

Capita che il primo libro non sia un libro, ma una zia che canta le opere liriche a una piccola bimba sotto le coperte. Capita che il primo libro non sia un libro, ma la signora Viola che, intorno al fuoco mentre gli altri spannocchiano, racconta storie terribili, tanto che quella stessa bimba si nasconde

18 ottobre 2016 SESSO E LETTERATURA. PHILIP ROTH, JOHN UPDIKE E NORMAN MAILER, UNA BIBLIOGRAFIA MINIMA

Scrivere di sesso è difficile, così difficile che anche gli autori più celebri possono fallire. Una volta sono troppo volgari, l’altra troppo ampollosi e barocchi, oppure sono ridondanti, o eccessivamente tecnici e quindi freddi. Scrivere di sesso è così difficile e pericoloso anche per gli autori più celebri e capaci che la Literary Review ha istituito un

17 ottobre 2016 UNA DONNA CHE SCRIVE È TROPPO SENSIBILE E SENSUALE. ANNE SEXTON

Una donna che scrive è troppo sensibile e sensuale,quali estasi e portenti!Un uomo che scrive è troppo colto e cerebrale,quali fatture e feticci! Casalinga, modella, cantante jazz. Poeta. Anne Sexton è una voce insolita e rivelatrice. Femminista, ha denunciato e disprezzato il destino noioso e degradante della casalinga, pur sentendosi in colpa e soffrendo per

14 ottobre 2016 SE IL CUORE NON SI SPEZZA, SI PIETRIFICA. HANNAH ARENDT

Il 14 ottobre 1906, a Linden, sobborgo di Hannover, nasceva Hannah Arendt. L’autrice di La banalità del male fu allieva di Heidegger a Marburg, di Hussler a Friburgo e si laureò in filosofia sotto la guida di Karl Jaspers con una tesi sul concetto di amore in Sant’Agostino. Filosofa, storica e scrittrice, Arendt non parlava molto di

14 ottobre 2016 DI PAURA, CORAGGIO, SENTIMENTI, STELLE. IL CIRCOLO PER LE SCUOLE

Di mattina, succede al Circolo una cosa che forse non tutti sapete. La sala grande si riempie di studenti delle scuole superiori di secondo grado. Sì. Perché il Circolo è anche per i ragazzi e ragazze e fa incontrare loro scrittori e scrittrici, un astrofisico, uno storico, un critico d’arte, e anche un musicista per

13 ottobre 2016 RINGRAZIARE DESIDERO PER L’AMORE, PER IL PANE, PER IL SALE. PER IL MISTERO DELLA ROSA. MARIANGELA GUALTERI

Si dice grazie per una piccola foglia, per un frutto, scrive Mariangela Gualtieri. Sono cose che si mostrano e salvano, con il loro semplice esserci, lasciandosi osservare. Sono apparizioni dell’incanto del mondo. Gli occhi si perdono, girovagano e incontrano una lucciola, la pioggia, le stelle, gli steli della lavanda e quasi le parole non bastano più

13 ottobre 2016 MI PAREVA CHE QUELLA MUSICA FOSSE MIA. BAUDELAIRE SCRIVE A WAGNER

Dal giorno in cui ho ascoltato la vostra musica, continuo a dirmi senza sosta, soprattutto nelle ore tristi: potessi almeno sentire stasera un po’ di Wagner. Alle volte viene da ringraziare. Charles Baudelaire ha deciso di manifestare la propria gratitudine nei confronti di Richard Wagner, attraverso la lettera che vi riportiamo qui sotto. Baudelaire aveva 38 anni

12 ottobre 2016 DA PUNTO OMEGA A ZERO K. TORNA DON DELILLO

Tutti vogliono possedere la fine del mondo. Questo ha detto mio padre, in piedi, davanti alle finestre all’inglese del suo ufficio di New York: gestione del patrimonio, dynasty trusts, mercati emergenti. Stavamo condividendo un momento raro, contemplativo, col tocco finale dei suoi occhiali da sole vintage che portavano la notte fra quattro mura. Osservavo con