Frase di introduzione

16 ottobre 2018 EMILY DICKINSON SUL RICORDO E SULLA PERDITA

Le persone che amiamo, le amiamo per sempre, perché diventano una parte di noi, una parte fisica, abitano i nostri pensieri anche quando non ci sono più. È il caso di Emily Dickinson e di sua madre, che perse a cinquantadue anni. Si chiamavano nello stesso modo e morì di un ictus che l’aveva già

0 commenti
15 ottobre 2018 SCRIVERE È SEMPRE NASCONDERE QUALCOSA. BUON COMPLEANNO ITALO CALVINO

Dati biografici: io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all’altra. Mi chieda pure quel vuol sapere e Glielo dirò. Ma non Le dirò

0 commenti
12 ottobre 2018 HO SCESO, DANDOTI IL BRACCIO, ALMENO UN MILIONE DI SCALE

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono le coincidenze, le prenotazioni, le trappole, gli scorni di chi crede che la realtà sia quella

0 commenti
11 ottobre 2018 5 BELLISSIMI HOTEL IN CUI HANNO SOGGIORNATO SCRITTORI CHE AMIAMO

Non solo il Chelsea Hotel di New York, divenuto iconico anche grazie alla canzone meravigliosa di Leonard Cohen, dimora di artisti, scrittori, celebrità del mondo musicale come Jack Kerouac, Dylan Thomas, Gore Vidal, William S. Burroughs, Janis Joplin.  Ci sono alberghi, sparsi per il mondo, che hanno ospitato i grandi scrittori e oggi abbiamo deciso di

0 commenti
10 ottobre 2018 TROVARE VIRGINIA WOOLF A LONDRA IN TRE POSTI PARTICOLARI

Virginia Woolf ha saputo esprimere le complessità della vita e i disordini dell’anima attraverso parole e gesti. Infatti è stata scrittrice, ma anche attivista che si è battuta per i diritti delle donne. È diventata celebre nel 1925 con La signora Dalloway, racconto di un solo giorno nella vita di Clarissa, scandito con precisione dai rintocchi

0 commenti
09 ottobre 2018 IL TORNEO DI DISPUTA CLASSICA. PER PARLARE BENE, NONOSTANTE LA SI PENSI DIVERSAMENTE

La cassetta degli attrezzi per capire il momento presente la mettono a disposizione i classici, libri che non offrono soluzioni semplificate, ma ripropongono antichi dilemmi, non presentano un’immagine unilaterale ed edulcorata dell’uomo e del mondo, ma danno da pensare. Da quest’idea nasce il Festival del Classico, dal 18 al 21 ottobre a Torino, quattro giorni di

0 commenti
09 ottobre 2018 I GIUSTI, SECONDO JORGE LUIS BORGES

“Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi“, scrisse una volta Bertolt Brecht. E infatti, forse, non ne abbiamo bisogno, è l’opinione di un altro grande della letteratura, Jorge Luis Borges. Considerato a ragione tra i più grandi geni letterari del Novecento, lo scrittore argentino mise in versi la sua idea di bontà e

0 commenti
08 ottobre 2018 UNO STRANISSIMO, MERAVIGLIOSO FILM TRATTO DAI DISEGNI DI JOHN LENNON

Oggi è il compleanno dell’indimenticabile John Lennon, nato il 9 ottobre 1940 a Liverpool. E abbiamo deciso di ricordarlo con uno stranissimo film meraviglioso, lunga storia animata tratta dagli schizzi del musicista, messi insieme nel 1986, su volere di Yoko Ono, dal regista indipendente  John Canemaker. Si intitola The John Lennon Sketchbook e parla soprattutto d’amore, intrecciando disegni, musica

0 commenti
03 ottobre 2018 5 SCRITTRICI ITALIANE CHE DOVRESTI LEGGERE (SE NON L’HAI GIÀ FATTO)

Sono donne dalla vita eccezionale, oppure no. Sono timide o carismatiche, sfuggenti o malinconiche, spesso temerarie. Anche se non esiste una letteratura “femminile“, ci piace andare a cercare, con voi, per descriverle e scoprirle, autrici straordinarie che sono spiccate nel panorama letterario italiano. Ne abbiamo scelte cinque, le nostre preferite, ma la lista è da

0 commenti
03 ottobre 2018 UNA GIOVINEZZA INVENTATA. LEGGERE LALLA ROMANO

“Una giovinezza inventata, che diventa verità nella vecchiaia» è l’esergo di Elias Canetti, illuminante sul senso del libro. La vecchiaia o, per meglio dire, la scrittura nel caso dell’autrice, dà un senso di autentificazione a personaggi, storie, situazioni che nel fluire della vita sono fraintesi, mitizzati, “inventati” appunto. La verità è che io sono ancora quella del

0 commenti
Precedenti|Successivi