Frase di introduzione

20 maggio 2019 CONVERSAZIONI CON MICHELE MARI E WALTER SITI. UN LIBRO CHE VI CONSIGLIAMO

In questo articolo di il Tascabile Carlo Mazza Galanti racconta com’è nato Scuola di demoni (minimum fax), libro che vi consigliamo oggi. Sono conversazioni in cui due dei più grandi scrittori italiani viventi vengono sollecitati sulle proprie opere, sul mestiere di scrivere, sullo stato delle lettere e sul presente. I due scrittori sono Michele Mari e

0 commenti
20 maggio 2019 ADDIO NANNI BALESTRINI, OSTINATO ARTISTA TOTALE

è un’opera su un’opera come tutte le mie opere indeterminateun gioco senza scopo un’assenza di finalitànon ho nessuna idea di come tutto questo avviene io non ho niente da direpoiché tutto comunica già perché voler comunicareil significato è l’uso. Nanni Balestrini ci ha lasciati. Aveva ottantaquattro anni. Precursore, maestro, spiazzante e ostinato artista totale, inventore

0 commenti
16 maggio 2019 COME FARTI CAPIRE CHE C’È SEMPRE TEMPO? UNA POESIA DI MARIO BENEDETTI

Mario Benedetti (Paso de los Toros, 14 settembre 1920 – Montevideo, 17 maggio 2009 ) è stato uno dei massimi narratori e poeti del Novecento. Ha cominciato a guadagnarsi la vita come commerciante, contabile, impiegato, giornalista e traduttore. È stato direttore del Centro di Ricerche Letterarie della “Casa de las Américas” all’Avana, e del Dipartimento

0 commenti
08 maggio 2019 10 INCONTRI CHE VI CONSIGLIAMO AL SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO

Domani inizia il Salone Internazionale del Libro, quindi abbiamo pensato di consigliarvi 10 incontri come una piccola mappa per orientarvi negli oltre 1200 appuntamenti del programma culturale della fiera. 1. A L’Eternauta di Héctor Oesterheld, fumetto di fama mondiale che anticipò l’arrivo della dittatura argentina, sarà dedicato un omaggio. José Muñoz, che ebbe come mentore proprio

0 commenti
07 maggio 2019 INTERVISTA IMPOSSIBILE A LEONARDO SCIASCIA

Nel 2019 cadono i 30 anni dalla morte di Leonardo Sciascia, il più scettico scrittore del Novecento e il più fedele al culto della letteratura, la cui voce ha completamente ripensato il canone italiano della scrittura saggistica e narrativa, il cui impegno testimoniale, critico, politico ha riscritto il ruolo dell’intellettuale. In apertura al 32° Salone Internazionale del

0 commenti
06 maggio 2019 SOLO NOI STESSE, AL SALONE SI PARLA DI FEMMINISMO OGGI

Per parlare di ii un futuro, ma soprattutto di un presente di parità tra uomini e donne, al Salone del Libro il ciclo a cura di Loredana Lipperini e Valeria Parrella, sul pensiero e la condizione femminile, che quest’anno offrirà una riflessione particolare sul tema delle Generazioni. Tra i tanti incontri, quello in collaborazione con InQuiete Festival delle Scrittrici a

0 commenti
02 maggio 2019 QUESTO È UN UOMO. UNA SEZIONE DEL SALONE DEL LIBRO PER RACCONTARE I CALPESTATI E GLI EMARGINATI DI OGGI

Meditate che questo è stato, così scrisse Primo Levi, autore di libri fondamentali, sopravvissuto alla deportazione ad Auschwitz. Nel 2019 cadono i 100 anni dalla sua nascita e al Salone Internazionale del Libro un’intera sezione del programma sarà dedicata al valore e alla salvaguardia della memoria, scopo della sua vita interiore e letteraria dal giorno

0 commenti
01 maggio 2019 LA PIÙ BELLA POESIA PER IL PRIMO MAGGIO

Le strade sono tutte di Mazzini, di Garibaldi, son dei papi, di quelli che scrivono, che dan dei comandi, che fan la guerra. E mai che ti capiti di vedere via di uno che faceva i berretti via di uno che stava sotto un ciliegio via di uno che non ha fatto niente perché andava

0 commenti
25 aprile 2019 LA LETTERA DI UN PAPÀ CONDANNATO A MORTE DAI FASCISTI ALLA FIGLIA

Paolo Braccini aveva 36 anni quando venne condannato a morte. Docente universitario originario di Viterbo, aveva ottenuto la cattedra di zootecnia generale e speciale all’università di Torino. Era il 1931 quando venne allontanato dal corso allievi ufficiali per via delle sue idee antifasciste. Nel 1943 Paolo entrò nel movimento clandestino di Torino, designato a far parte

1 commento
16 aprile 2019 LO SAI CHE LO SPAGNOLO È LA LINGUA OSPITE DEL SALONE?

Ieri è stato presentato il programma del Salone del Libro 2019! Una delle cose belle della 32° edizione è che ci sarà La Piazza dei Lettori, sì, ma quest’anno sarà dedicata alla lingua ospite, ovvero lo spagnolo, lingua-mondo che unisce popoli e paesi, e dimostra come la cultura non abbia confini. Quindi si chiamerà La Plaza

0 commenti
Precedenti|Successivi